NOVITA' MOTOCICLISMO

“Beccato” un prototipo Husqvarna: è la nuova Svartpilen?

In questa moto laboratorio guidata da collaudatore si vede con sufficiente chiarezza un motore che sembra nuovo o comunque è una evoluzione profondamente modificata di quello precedente. Di sicuro è tutto nuovo il telaio e pure il forcellone, vistosamente irrigidito

“Beccato” un prototipo Husqvarna: è la nuova Svartpilen?
Husqvarna sta lavorando sulla sua Svartpilen 401 e anzi, a giudicare da queste foto-spia pubblicate sul sito internet britannico motorcyclenews.com, si può dire che ne stia realizzando una completamente nuova. In questa moto laboratorio guidata da collaudatore si vede con sufficiente chiarezza un motore che sembra nuovo o comunque è una evoluzione profondamente modificata di quello precedente: parrebbe essere lo stesso già visto sui prototipi delle KTM Duke 390 e RC 390 “beccati” qualche tempo fa da altre foto-spia, e non sarebbe strano visto che i marchi fanno parte dello stesso Gruppo. I carter esterni sono diversi e questo fa pensare a modifiche significative, tanto più che già molti costruttori hanno dovuto aumentare leggermente la cilindrata di qualche modello per recuperare la potenza persa con l’adeguamento ai limiti imposti dalla nuova Euro 5, dunque è verosimile che sia stato fatto anche qui.

Cambia il telaio
Di sicuro è tutto nuovo il telaio, un traliccio dalle forme più affascinanti di quello precedente, abbinato a un telaietto posteriore pure a traliccio; qui i tubi sono verniciati in bianco ma è probabile che andando in produzione venga scelta una colorazione meno vistosa.
È inedito pure il forcellone vistosamente irrigidito da alcune nervature, mentre non sono visibili né i leveraggi né l’ammortizzatore. Sono invece molto evidenti sia la nuova pinza freno anteriore radiale, sia il cupolino che forse toglie alla Svartpilen un pizzico di personalità ma di sicuro garantisce un maggiore comfort.
Questo prototipo però appare ancora posticcio, cioè suscettibile di molti cambiamenti, motivo per cui probabilmente bisognerà aspettare ancora un po’ per vedere la versione definitiva.

 



NOTIZIE CORRELATE