NOVITA' MOTOCICLISMO

Autovelox: in Spagna stop alla frenata "tattica"

In alcune regioni della Spagna entreranno in funzione degli speciali autovelox in grado di rilevare se si prova a frenare in prossimità di un punto di controllo oppure se si accellera subito dopo. Un modo per tenere a bada chi rispetta i limiti solo in prossimità dei controlli segnalati. Le multe partiranno da 600 euro, più decurtazione dei punti patente

Autovelox: in Spagna stop alla frenata "tattica"
Stop alle... frenate
Se in autostrada abbiamo il sistema Tutor, che registra la velocità media, sulle altre gli unici deterrenti al superamento dei limiti di velocità sono gli autovelox che registrano, però, solo la velocità istantanea. Per legge questi dispositivi devono essere segnalati e capita molto spesso che chi passa rallenti solo in prossimitià del rilevatore superando i limiti sia prima, sia dopo. Per bloccare questa brutta abitudine in Spagna entreranno in funzione dei dispositivi che controlleranno la velocità nei tratti di strada precedenti e seguenti la presenza di una postazione autovelox. Questi dispositivi serviranno come detterente a chi va oltre i limiti e frena subito prima del velox e, una volta superato, riaccelera. Nella regione di Castilla e Leòn, nel nord della Spagna, saranno installati 26 nuovi radar che andranno ad aggiungersi ai 780 fissi, 545 mobili e 92 di sezione già operativi in Spagna.
In particolare 16 di questi saranno dedicati a strade secondarie e saranno radar anti frenata e quelli cosiddetti "a cascata". I primi controllano il tratto di strada immediatamente precedente al radar fisso già segnalato e normalmente ben visibile, mentre i secondi tengono a bada il tratto immediatamente successivo. A quanto pare le autorità non avviseranno circa la presenza di questi dispositivi obbligando così i "furbetti" a rispettare i limiti. Le sanzioni previste per il superamento dei limiti di velocità arriveranno fino a 600 euro e alla decurtazione di sei punti sulla patente. Dopo la Castilla e Leon, sembra che anche le città di Barcellona, Salamanca, Castellòn e Ibiza ricorreranno a questi nuovi sistemi di controllo. Arriveranno anche in Italia? Di certo se si vorrà raggiungere l'obiettivo europeo del dimezzamento degli incidenti mortali entro il 2030, questa potrebbe essere una misura efficace. Staremo a vedere. 
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    09 Agosto 2022
    Gli Speed Scout montati a bordo delle auto di polizia e vigili hanno parecchi aspetti attaccabili da chi è multato: infatti le normative di legge rendono difficile il loro utilizzo, così capita spesso che non vengano rispettati alcuni importanti obblighi. Vediamo quali sono
  • Politica e trasporti
    16 Febbraio 2022
    Per il momento siamo ancora in una fase sperimentale e non vengono elevate contravvenzioni, ma con l’omologazione dei dispositivi e il passaggio alla seconda fase arriveranno anche quelle: è prevista una multa di 135 euro per chi infrange i limiti
  • News
    24 Agosto 2021
    La Direccion General de Trafico ha ad oggi schierato oltre 39 droni di sorveglianza in tutta la Spagna. Dotati di una funzione di tracciamento automatico del veicolo, potranno svolgere anche una funzione di vigilanza del traffico stradale, fungendo da veri e propri autovelox volanti…
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Spazio, stile e bella guida
Green Planet