NOVITA' MOTOCICLISMO

Autovelox mobili: la battaglia dei repubblicani francesi

Il partito francese Les Républicains sta portando avanti una battaglia affinché agli apparecchi si rilevamento della velocità mobili vengano applicate le stesse regole valide per quelli fissi: uno su tutti l’obbligo di essere segnalato ad automobilisti e motociclisti

Autovelox mobili: la battaglia dei repubblicani francesi
Trappole per motociclisti 
“In borghese”, nel senso di impossibili da distinguere tra le normali vetture delle forza dell’ordine circolanti per strada, le cosiddette “auto-civetta” con annesso dispositivo di rilevamento della velocità devono essere segnalate agli automobilisti e ai motociclisti, esattamente com’è per le postazioni fisse. Questa la battaglia portata avanti in Francia dal partito dei Repubblicani capeggiato dal deputato Pierre Cordier, secondo il quale ai dispositivi di rilevamento mobili dovrebbero essere applicate le stesse regole in vigore per quelli fissi, tra cui, appunto, l’obbligo di essere ben segnalati a tutti gli utenti della strada. Attualmente non é così: le 450 vetture con dispositivo di rilevamento circolanti ad oggi sulla rete stradale francese non ha alcun segno distintivo che possa in qualche modo indicare all’automobilista o al motociclista la presenza, a bordo, di apposite telecamere e autovelox. In effetti, vista da questa prospettiva, la richiesta dei deputati appare tutt’altro che illogica, al contrario: se i normali dispositivi fissi devono per legge essere segnalati con apposita segnaletica, per quale motivo quelli mobili (predisposti allo stesso identico compito) dovrebbero invece rimanere “invisibili” come vere e proprie trappole? Per il momento, lo evidenziamo, si tratta solo di una proposta, ma l’attuale riforma del codice della strada potrebbe contemplare l’idea di modificare tale normativa e rendere effettivo l’obbligo di segnalazione.
E in Italia? Nel nostro Paese, ne abbiamo parlato più volte anche in riferimento alle numerose sentenze impegnate da automobilisti e motociclisti davanti al giudice di pace, tutti i dispositivi di rilevamento della velocità, fissi o mobili che siano, devono per legge essere segnalati con apposita segnaletica. La cosa vale ovviamente anche per quelli utilizzati a bordo delle auto di carabinieri e polizia, comunemente indicato con il termine Scout Speed. Anche in questo caso quindi, qualora doveste ricevere una sanzione, vale la pena indagare sulla concreta possibilità di farsi annullare la multa...

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    24 Agosto 2021
    La Direccion General de Trafico ha ad oggi schierato oltre 39 droni di sorveglianza in tutta la Spagna. Dotati di una funzione di tracciamento automatico del veicolo, potranno svolgere anche una funzione di vigilanza del traffico stradale, fungendo da veri e propri autovelox volanti…
  • News
    03 Giugno 2021
    Certamente utili dal punto di vista della sicurezza stradale - specialmente se considerati come “dissuasori” - gli Autovelox in Italia la fanno da padrone. I dati non mentono: il numero di dispositivi installati nel Bel Paese è doppio rispetto alla Germania e triplo rispetto alla Francia…
  • Politica e trasporti
    25 Settembre 2020
    Sembrava filasse tutto liscio, ma niente da fare, il Codice della Strada è tornato di nuovo in Commissione. La riforma attesa da anni segna ancora un altro intoppo, ecco quali sono al momento le novità più importanti in attesa di approvazione