NOVITA' MOTOCICLISMO

Autodromo di Monza: un museo per le sopraelevate? La proposta di Regione Lombardia

Autodromo di Monza – Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato una mozione con cui si chiede la realizzazione di un Museo multimediale sotto le curve sopraelevate del leggendario "anello dell'alta velocità". Una proposta, secondo il promotore Lino Fossati e Carolina Toia (tra i primi firmatari), che punta a riqualificare l'intera area del circuito in vista dell'EXPO

Autodromo di Monza: un museo per le sopraelevate? La proposta di Regione Lombardia
La Regione vuole fare un museo sotto le curve
La mozione che chiede la riqualificazione dell'area delle sopraelevate di Monza è stata approvata dal Consiglio Regionale nella seduto del 6 maggio scorso. La proposta presentata alcuni mesi fa dal gruppo consiliare Maroni Presidente propone la realizzazione di un museo collegato alle storiche curve sopraelevate dell'Autodromo di Monza. Le sopraelevate erano l'elemento più caratteristico del famoso anello dell'alta velocità, da molto tempo inutilizzato e ormai in stato di abbandono, ma ancora oggi uno dei tratti distintivi dell'Autodromo. La proposta di riqualificare l'area con un museo, è stata formulata non solo per rendere agibile uno degli storici simboli di Monza ma anche (e soprattutto), per valorizzare il circuito in vista dell'ormai imminente EXPO 2015, quando milioni di visitatori e turisti caleranno a Milano e dintorni. La mozione è passata nonostante l'opposizione del M5S (i consiglieri "grillini" propongono al contrario l'abbattimento delle Sopraelevate) e l'astensione del PD. Ovviamente soddisfatto il primo firmatario, il brianzolo Lino Fossati: "L’autodromo è un circuito automobilistico internazionale, polo di attrazione per numerosi appassionati di automobilismo. L’apertura di un museo potrebbe essere un’ulteriore opportunità per valorizzare il circuito e per recuperare un patrimonio architettonico unico e di pregio quali sono le sopraelevate". Tra i firmatari più coinvolti nel progetto c'è anche Carolina Toia, consigliere regionale ultra-appassionata di motori (auto, moto e kart, è lei nelle foto della gallery): "Il circuito monzese rappresenta da decenni un polo di attrazione per tutti gli amanti dei motori. La realizzazione al suo interno di un museo multimediale, che possa ospitare anche le auto e le moto che hanno corso nel 'catino dell'alta velocità', rappresenterebbe un'opportunità per valorizzare ulteriormente il circuito e il Parco di Monza, che è un'eccellenza non solo per la Brianza ma per tutta la Lombardia. Il museo multimediale dovrebbe essere realizzato negli spazi sottostanti alle sopraelevate, anello di alta velocità che da sempre è una prerogativa del circuito brianzolo. La realizzazione di tale spazio permetterebbe così di dare nuova vita e riqualificare l’area ormai dismessa, mettendo in atto una intelligente strategia di recupero e riutilizzo degli spazi".


 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    10 Aprile 2020

    Il museo che ospita la più grande collezione di veicoli realizzati dalla casa di Tokyo sarà visitabile attraverso un tour virtuale. Situato vicino al Twin Ring di Motegi, lo spazio espone circa 300 esemplari tra moto e auto che hanno fatto la storia della casa giapponese

  • News
    07 Marzo 2020
    Con un video caricato sul canale Dainese, Valentino Rossi ci svela per la prima volta dell’esistenza di un "museo segreto” in cui sono costruiti i cimeli raccolti in quasi 30 anni di gare. Dalle tute ai caschi, le teche in vetro proteggono i “momenti indimenticabili della carriera”: ce lo racconta lo stesso Vale in questo primo episodio di una mini serie realizzata da Dainese e incentrata sul pilota di Pesaro
  • News
    29 Ottobre 2019
    Questo ottobre Vespa ha festeggiato i 70 anni del Vespa Club Italia, fondato nel 1949 a Viareggio dai “pionieri” dell’iconico scooter made in Pontedera. Per l’occasione, sabato il Museo Vespa ha accolto appassionati vespisti giunti da tutte le regioni d’Italia