NOVITA' MOTOCICLISMO

Africa Eco Race 2020: impresa compiuta per Nicola Dutto

Il pilota paraplegico conclude con successo la corsa al Lago Rosa: “Siamo una squadra eccezionale, Villarrubia e Baldussi sono fondamentali”. “Le piste del Marocco mi hanno fatto tornare in mente i miei Baja”

Africa Eco Race 2020: impresa compiuta per Nicola Dutto
La nuova vita di Nicola Dutto è iniziata dieci anni fa all'Italian Baja, quando è rimasto paralizzato in seguito a un incidente. Pochi giorni fa il pilota paraplegico è salito sul podio del Lago Rosa 47esimo assoluto: un'impresa compiuta insieme a Julian Villarrubia e a Stefano Baldussi, i due “angeli custodi” che lo hanno accompagnato da Monaco a Dakar.

I tre moschettieri
“Siamo in tre. Julian è quello più esperto e apre la traccia, io segue e Stefano, il più giovane, segue e mi aiuta subito in caso di caduta. Il compito di Julian è difficile, ma anche per Stefano è una bella sfida perché non deve correre solo pensando a se stesso, ma anche gestendo le energie per aiutarmi quando necessario”. Nei 6mila chilometri di gara ovviamente non sono mancati imprevisti e cadute, ma tutto si è sempre risolto al meglio: “Temevo le dune della Mauritania, con quella sabbia soffice. Però siamo riusciti ad affrontarle con il giusto approccio. La gara è molto varia, si è dimostrata assolutamente all'altezza delle aspettative. E poi all'Africa Eco Race c'è un'atmosfera decisamente diversa da quella che ho riscontrato al Dakar. Là li ho trovati arroganti, mentre qua fanno tutto il possibile per ascoltarti e venire incontro alle esigenze che puoi avere. E non parlo solo per me, ma in generale”.

Una moto su misura
La moto di Nicola punta ovviamente sulla leggerezza di base, perché - tra dotazione accessoria e bisogno di alzare il mezzo insieme al pilota in caso di caduta- il peso non è un dettaglio: “Ho scelto una moto da enduro, una Exc500, dotata di una frizione automatica, il cambio è elettroattuato. Non dovendo usare la frizione per partire uso la pompa della frizione direttamente collegata al freno posteriore”. L'entusiasmo di Nicola per l'avventura vissuta è palpabile: “I fondi veloci del Marocco mi hanno ricordato molto quelli del Baja, e poi arrivare al Lago Rosa è una grande emozione. Era un sogno che avevo fin da quando ero ragazzino e guardavo il Dakar in tv”.

Photo credits Alessio Corradini


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Febbraio 2020
    Greg Hancock ha annunciato il suo ritiro dalle competizioni, il californiano, quarantanove anni, doveva prendere parte al campionato iridato che partirà a metà maggio da Varsavia, con una wild card che gli avrebbe consentito di disputare la sua ventiquattresima stagione
  • News
    31 Gennaio 2020
    Internazionali d'Italia di Motocross 2020 - Come ormai tradizione, è stato il crossodromo di Riola Sardo, domenica scorsa, ad aprire la stagione del cross.Tim Gajser, campione MXGP in carica ha dominato, ma mancavano pezzi da 90 come Cairoli ed Herlings. Il secondo round questa domenica a Ottobiano
  • News
    29 Gennaio 2020
    Ernst Pozzali, Vanni Oddera si sono trovati con i Di.Di., i diversamente disabili che corrono in pista, e ne è nata l’idea di far provare loro anche il cross. Lo scorso 24 gennaio l’hanno messa in pratica sul crossodromo “Andrea Timossi” di Sanda. Ecco come è andata