NOVITA' MOTOCICLISMO

Africa Eco Race 2019, 8ª tappa: poker di vittorie per Botturi

All’Africa Eco Race 2019 il lumezzanese della Yamaha Alessandro Botturi incrementa il proprio vantaggio su Ullevalseter: 7'15" alla vigilia della tappa più temuta, la speciale di Chinguetti

Africa Eco Race 2019, 8ª tappa: poker di vittorie per Botturi
Botturi vince ancora
Ottava tappa e quarta vittoria per Alessandro Botturi all'Africa Eco Race 2019. Il pilota di Lumezzane non solo ha conquistato il doppio dei successi parziali rispetto a Ullevalseter, ma continua a fare l'elastico in classifica con il rivale, oscillando tra i 5 e i 7 minuti di vantaggio. Anche oggi programma rispettato, e la Chami-Amodjar non era una frazione qualsiasi: c'erano da superare 445 chilometri di speciale in mezzo alle dune della Mauritania. Le temperature oltre i 40 gradi hanno messo a dura prova piloti e mezzi: “Sono andato subito a prenderli al ventesimo chilometro – spiega Alessandro al bivacco, riferendosi a Ullevalseter e Agazzi. Poi siamo rimasti in gruppo fino quasi alla fine. Nell'ultimo tratto Pal ha provato a forzare un po' ma ho tenuto e siamo arrivati insieme”.
Arrivo con tanto di cavalleresca stretta di mano tra i due, a testimonianza di una rivalità molto corretta: “Sembriamo due vecchi amici – scherza il norvegese. D'altronde quando si viaggia insieme in speciale non sarebbe nemmeno giusto mettersi a spingere troppo. Credo che siamo un po' tutti e due in attesa di qualcosa, come un errore o altro, ma nessuno vuole forzare la mano”.
Ottimo terzo posto di tappa per Simone Agazzi, che spedisce Martin Benko a +12'26” di distanza: “Sono stati 150 chilometri velocissimi, e a parte 50 chilometri di dune il ritmo è stato davvero infernale. Alla fine ho visto che Botturi e Ullevalseter hanno spinto ancora di più e a quel punto ho pensato a salvare il motore”.
A proposito di motore, sfortuna per Paolo Caprioni che è rimasto appiedato poco dopo metà tappa, mentre Domenico Cipollone è riuscito a chiudere con un buon decimo posto parziale nonostante qualche problema alla frizione. Ora il pilota torinese è settimo, dopo avere ceduto una posizione a Cavelius. Attenzione anche a Francisco Arredondo: il guatemalteco guadagna una posizione anche oggi e si porta a soli +2'46” dal numero 123.
Tra gli altri italiani ben quattro posizioni in più per Maurizio Cecconi che si assesta in 13ª piazza, tre in più anche per Franco Picco che ora è 16º. Segno positivo anche per Brezzi, 24º con due posizioni guadagnate, così come Moretto e Dal Ben, rispettivamente 34º e 36º.
Domani arriva il pezzo forte di questa Africa Eco Race, con la tappa ad anello Amodjar-Amodjar (483 chilometri): la sofficissima sabbia della Mauritania unita alla difficile navigazione renderà la giornata della speciale di Chinguetti la più temuta dai piloti.
Classifica generale: 1° Alessandro Botturi (Yamaha) 31h52'32”, 2° Pal Anders Ullevalseter (Ktm) 07'15”,  3° Simone Agazzi (Honda) 02h10'41”, 4° Martin Benko (Ktm) 02h23'07”, 5° Felix Jensen (Ji Bigg) 02h34'02”, 6° Philippe Cavelius (Ktm) 05h04'06”, 7° Domenico Cipollone (Ktm) 05h21'04”, 8° Francisco Arredondo (Ktm) 05h23'50”, 9° Patrice Carillon (Ktm) 05h53'34”, 10° Guillaume Vidal (Ktm) 06h13'52”
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Gennaio 2019
    Il polso sofferente di Toby Price non ha impedito al pilota australiano di conquistare la sua seconda vittoria alla Dakar dopo quella del 2016. Pablo Quintanilla finisce 4º per colpa di una caduta e viene battuto da Matthias Walkner, che si prende il 2º posto della Dakar 2019, e Sam Sunderland che chiude il podio
  • News
    17 Gennaio 2019
    L'Italian Challenge dal 2015 propone un itinerario emozionante ma rilassato attraverso le regioni del Sud Italia. L’organizzazione, curata dallo staff del Transitalia Marathon, ha gia aperto le iscrizioni per l’edizione 2019 che si annuncia ricca di novità
  • News
    16 Gennaio 2019
    A una sola giornata dalla fine, la Dakar 2019 continua a stupire con la vittoria di Michael Metge su Sherco. Brutte notizie, invece, per Adrien Van Beveren che rompe il motore della sua Yamaha e si ritira. Unico punto fermo il primo posto di Toby Price su KTM nella generale