NOVITA' MOTOCICLISMO

Voi sperimenta il monopattino intelligente con Luna

Dalla collaborazione tra il servizio di sharing Voi e la start up Luna nasce la sperimentazione di una tecnologia di computer vision pensata per indurre gli utenti dei monopattini ad assumere comportamenti più corretti alla guida e in fase di parcheggio. Il test partiti a luglio a Northampton, in Gran Bretagna, si protrarranno fino al 2022

Voi sperimenta il monopattino intelligente con Luna
Due fasi per addestrare la tecnologia
Sarà Northampton, in Gran Bretagna, la prima città dotata di monopattini in condivisione “intelligenti” in grado di incrementare la sicurezza e ridurre la sosta selvaggia. Il merito è di Voi Technology, l’azienda di sharing svedese, che ha scelto la città britannica per sperimentare la tecnologia di computer vision messa a punta dalla start up Luna. Un sistema già collaudato sulle strade di Stoccolma, ma che nel capoluogo della contea inglese prevede un programma più intenso per verificare l’efficacia della tecnologia basata sull’intelligenza artificiale. La soluzione consente di rilevare la presenza di pedoni e di riconoscere se il monopattino sta percorrendo una pista ciclabile, un marciapiede o una strada. Informazioni elaborate e utilizzate per informare il conducente con un allarme acustico in caso di potenziale pericolo o di un’eventuale infrazione commessa, come il procedere in aree vietate. Altra funzione di Luna è di evitare il parcheggio errato inducendo gli utenti a rilasciare i monopattini senza che rechino intralcio. Il progetto, iniziato a luglio, prevede due fasi, con la prima che prevede l’installazione delle telecamere necessarie per il monitoraggio su alcuni monopattini in sharing per farli testare da un gruppo di utenti selezionato. Una fase pensata soprattutto per fare raccogliere alla tecnologia di computer vision le informazioni visive in tempo reale sull'ambiente che il monopattino sta attraversando e verificare la capacità rilevare i pedoni sul percorso. Una sorta di addestramento del sistema che verrà rafforzato nella seconda fase quando le telecamere installate sulla flotta in condivisione saranno un centinaio e all’allarme acustico si aggiungerà un’opzione per rallentare automaticamente i monopattini quando viene rilevata una guida inappropriata sui marciapiedi o in aree fortemente pedonalizzate. L’obiettivo è arrivare ad avere una tecnologia affidabile entro il 2022.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    22 Giugno 2021
    Design curato e leggerezza sono i punti forti del nuovo mezzo di micromobilità firmato dalla casa automobilistica italiana e realizzato con MT Distribution e Pininfarina. Un modello con ruote da 8”, sospensione anteriore e luci a Led mosso da un motore da 250 W alimentato da batterie da 280 Wh sufficienti per autonomie fino a 20 km. Costa 299 euro
  • Green Planet
    17 Giugno 2021
    Askoll punta forte sulla sharing mobility presentando il suo primo monopattino elettrico dedicato al noleggio. A distinguerlo da tutti gli altri prodotti sul mercato la doppia ruota posteriore e il doppio freno a disco con sistema di ripartizione della frenata
  • Green Planet
    10 Maggio 2021
    Punta su un peso minimale di appena 13 kg l’ultimo veicolo a zero emissioni del produttore del gruppo Esprinet. Un modello con ruote piene anti-foratura, efficiente impianto frenante e luci di serie. A spingerlo è il motore nel mozzo da 300 W che consente di viaggiare fino ai 22 km/h ed è alimentato da batterie con capacità sufficiente per autonomie fino a 18 km