NOVITA' MOTOCICLISMO

Più sicurezza in moto con lEmergency Call Liberty Rider

L’app GPS Liberty Rider è in grado di rilevare un incidente e avviare autonomamente una chiamata di emergenza per l’arrivo tempestivo dei soccorsi. Così facendo protegge il motociclista nelle situazioni complicate, limitando le conseguenze di una caduta fino all’80%

Più sicurezza in moto con lEmergency Call Liberty Rider
Sherpa virtuale
Il piacere di godersi una gita in moto o il vantaggio di spostarsi più agevolmente nel traffico con le due ruote non devono distrarre dai rischi. Ma, oggi, la tecnologia è in grado di correre in aiuto nei momenti più complicati e gestire le situazioni difficili in modo autonomo.
Tra le soluzioni più interessanti c'è l’app Liberty Rider che è una in grado di rilevare un incidente e far partire autonomamente una chiamata di emergenza ai soccorsi.
A livello europeo, infatti, le moto rappresentano complessivamente il 2% del traffico ma, mediamente, ogni anno pesano sul computo delle vittime della strada per il 20%; dato confermato anche in Italia.
Inoltre, due terzi degli incidenti in moto con conseguenze più serie avvengono su strade isolate, dove i soccorsi impiegano più tempo per arrivare, nonostante la tempestività di intervento sia fondamentale. Secondo le statistiche, infatti, i soccorsi prestati entro la prima ora da un incidente possono aumentare le probabilità di sopravvivenza fino all’80% e ridurre il rischio di lesioni gravi o danni permanenti del 68%.
Da qui l’idea di sviluppare un’applicazione che intervenga in queste fasi cruciali. Liberty Rider, dunque, grazie ai sensori dello smartphone e ai dati GPS registrati, è in grado di rilevare un possibile incidente e allertare i soccorsi tramite una chiamata automatica. La gestione di questa chiamata è in capo a una struttura dedicata creata dal Gruppo assicurativo francese IMA-Inter Mutuelles Assistance e presente in Italia grazie alla filiale italiana IMA Italia Assistance, il cui compito è di attivare i soccorsi nel caso in cui il motociclista non rassicuri l’operatore sulle proprie buone condizioni di salute, o non risponda alla chiamata.

1000 chiamate di emergenza
Paola Bianchi, Chief Commercial Officer di IMA Italia Assistance, ritiene che Liberty Rider sia uno strumento fondamentale per il motociclista: “Nel corso del 2021, in soli nove mesi di monitoraggio, abbiamo gestito oltre 1.000 chiamate di emergenza tramite l’app” spiega Paola Bianchi, Chief Commercial Officer di IMA Italia Assistance. “Grazie a questo protocollo, abbiamo potuto verificare come nel 50% dei casi gestiti la probabilità di lesioni gravi a causa di un incidente sia, in effetti, valutabile come alta. IMA Italia e Liberty Rider hanno sviluppato nel 2022 un’operazione congiunta con l’obiettivo di lanciare sul mercato italiano la prima Emergency Call indipendente per motociclisti”.
Il motociclista, quindi, sarà monitorato virtualmente in modo affidabile, con l'app che interverrà in caso di problemi. Il centro assistenza di IMA Italia Assistance, infatti, chiamerà tre volte sul cellulare che ha rilevato la caduta, avendo così la possibilità di verificare cosa sia successo e se sia necessario organizzare un intervento di soccorso. In caso di mancata risposta i soccorsi partiranno automaticamente e in pochi minuti dalla prima chiamata.
Questo monitoraggio “intelligente” si aziona automaticamente e si interrompe alla fine del percorso, ma è in grado anche di rilevare interruzioni intermedie, come una pausa caffè. Terminata la fase di sperimentazione, nel 2020 è stata aggiunta anche la funzionalità che avverte il motociclista dell’approssimarsi di una curva pericolosa.

Assistenza ed altro
Liberty Rider, tuttavia, è molto più di questo. All’interno dell’app l’utente può trovare tante altre informazioni utili: un vero e proprio sistema di navigazione che in più segnala le curve pericolose, registra i percorsi fatti e archivia le foto scattate durante la giornata in moto.
Se abilitata, una funzione specifica manda a un numero prestabilito un SMS all’inizio e alla fine del giro in moto. È anche possibile attivare il monitoraggio in tempo reale della posizione, da condividere per rassicurare chi rimane a casa.
L’applicazione, comunque, può essere settata in base alle caratteristiche del tratto prescelto o allo stile di guida, su tre livelli: veloce, divertente o bilanciato. Nel primo caso, Liberty Rider proporrà il percorso più breve, includendo strade a scorrimento veloce o autostrade; all’opposto la proposta divertente, per la quale saranno selezionate le strade più interessanti per il piacere di guida; infine, scegliendo il settaggio bilanciato, il sistema proporrà un mix delle due possibilità, ottimizzando il più possibile tempi e divertimento.
In ogni caso, l’uso dell’app farà guadagnare all’utente dei gettoni virtuali (Flooz) con i quali sarà possibile acquistare dei biglietti per partecipare all’estrazione, con cadenza annuale, di premi quali un casco, un giubbotto da moto, uno stivale o una T-shirt dei principali marchi motociclistici.

Anche community
Liberty Rider è anche una community: è possibile, infatti, condividere fra gli utenti registrati i percorsi più belli, che restano archiviati in base alle caratteristiche di durata, lunghezza o complessità, in modo che sia semplice trovare quello più adatto.
L’applicazione Liberty Rider è gratuita e disponibile sia per Android sia per Apple. Per attivare la funzionalità di E-Call è previsto un piano proprietario da 3,99 euro al mese, ma tramite il partner prioritario di Liberty Rider sul mercato italiano, IMA Italia Assistance, il costo dell’abbonamento di Emergency call è incluso nell’offerta di assistenza al veicolo, grazie a una serie di accordi BtoB.
IMA Italia renderà inoltre disponibile entro fine settembre 2022, sul suo sito e-commerce Imaway, un prodotto di Assistenza Moto di alto livello che include nell’offerta la possibilità di scaricare tutte le funzionalità dell’applicazione Liberty Rider.
 

 



Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Berlina o crossover?
Green Planet