NOVITA' MOTOCICLISMO

Michael Dunlop, in sella a una Gilera 500 per il Classic TT

Per celebrare il 60esimo anniversario del primo giro del Mountain a una media di 100 miglia orarie (160 km/h), Michael Dunlop porterà in gara nel Classic TT una replica esatta della Gilera con cui lo scozzese Bob McIntyre siglò il record nel 1957

Michael Dunlop, in sella a una Gilera 500 per il Classic TT
Il più veloce per l'italiana
La prossima edizione del Classic TT si svolgerà dal 26 al 28 agosto 2017 e avrà come tema gli anni 50. Come sempre si terranno quattro gare per le varie categorie e cilindrate, ciascuna delle quali di quattro giri. Quest’anno nella categoria 500 parteciperà anche Michael Dunlop, leggenda del Tourist Trophy nonché pilota in attività più vittorioso sul Mountain. Dunlop porterà in gara una replica della Gilera 500 con cui il pilota scozzese Bob MCIntyre nel 1957 per la prima volta fece il giro del Mountain a una media di 100 mph (circa 160 km/h). La moto era dotata di carene a campana bianco e rosse, poi vietate perché troppo pericolose. La Gilera di Dunlop è stata realizzata da Black Eagle Racing, uno dei più noti preparatori inglese ed è attualmente è in mostra al NEC, la fiera della moto inglese che si tiene a Birmingham, ovviamente nello stand Classic TT. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    08 Marzo 2021
    In attesa di tornare a gareggiare al TT, il figlio di Robert avrà una digressione in pista. Il padre morì nelle prove della North West 200, gara che Michael poi vinse. Il "sorpavvissuto" della famiglia ha confidato a Channel 5 di avere un hobby particolare: collezionare tutte le carene delle moto con cui ha corso al Mountain
  • Industria e finanza
    06 Marzo 2021
    Nonostante le ovvie difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, il Gruppo Piaggio ha chiuso il 2020 con numeri che fanno ben sperare. Il secondo semestre è stato in particolare testimone di una netta ripresa con un +1,3% di ricavi e un +82,3% per l'utile netto
  • News
    13 Gennaio 2021
    La moto italiana domina la scena nei primi anni '50, conquistando ben sei titoli iridati. Il progetto però è di un quarto di secolo precedente, e sfrutta la geniale intuizione di Gianini e Remor, che avevano disposto i quattro cilindri frontemarcia invece che trasversalmente. La Rondine, oltre che nelle gare, si era distinta anche nei record di velocità, con Piero Taruffi. La mezzo litro di Arcore ha l'albero controrotante, il cambio estraibile e può essere considerata la "nonna" dell'attuale Yamaha M1 di Valentino