NOVITA' MOTOCICLISMO

Kawasaki Z900 SE, la top di gamma si prepara per il 2022

La versione top di gamma della Z900 adotta per il 2022 un nuovo pacchetto freni Brembo, sospensione Öhlins al posteriore e altri affinamenti. Vediamoli assieme

Kawasaki Z900 SE, la top di gamma si prepara per il 2022
Più raffinata
Per il 2022 Kawasaki ha presentato la una inedita versione SE della sua Z 900. La sigla, ormai, è una conoscenza ben nota tra gli appassionati del marchio di Akashi, SE infatti rappresenta le versioni top di gamma, quelle che per intenderci hanno una dotazione più ricca e raffinata. Non fa differenza la Z 900 che presenta un nuovo pacchetto freni Brembo con pinze monoblocco M4.32 che agiscono su dischi da 300 mm, il tutto supportato da tubi in treccia aeronautica perfetti per non "perdere colpi" neanche dopo numerose staccate al limite. A livello sospensioni troviamo davanti una forcella con steli da 41 mm completamente regolabile, accoppiata a un bel mono Öhlins S46, anch'esso, va da sé, regolabile. A monte di tutto ciò, la Z 900 SE sfoggia il solito pacchetto elettronico che prevede controllo di trazione regolabile, power mode selezionabili, il tutto gestibile tramite un comodo schermo TFT a colori. La Z900 SE sarà disponibile nella sola colorazione Metallic Spark Black/Candy Lime Green ma non conosciamo ancora il prezzo ufficiale: quasi certamente però, sarà leggermente più salato dei 9.500 euro necessari per la Z 900 base. La vedremo in anteprima a EICMA 2021 e per restare sempre aggiornati circa le novità del salone seguite la nostra sezione dedicata cliccando qui

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Spy
    19 Ottobre 2021
    Kawasaki ha mostrato le prime immagni di una piccola sportiva con motore ibrido. La moto potrebbe far parte dei 10 modelli elettrici e ibridi che il presidente della casa di Akashi, Iroshi Ito, ha annunciato entro il 2025. La vedremo già quest'anno?
  • Spy
    18 Ottobre 2021
    Prosegue il lavoro di Kawasaki per una futura moto con doppia ruota anteriore. Dopo il Concept J del 2013 e ulteriori brevetti ancora più avveniristici, ora sembra prendere forma una moto concreta che potrebbe sfruttare la "base" della famiglia H2
  • Moto
    13 Ottobre 2021
    Parola d’ordine zero emissioni: in quel di Akashi si lavora su nuovi modelli, alcuni elettrici basati sulla tecnologia ibrida ed altri a idrogeno. Base di partenza potrebbe essere, in quest'ultimo caso, il quattro cilindri sovralimentato della H2 che si presterebbe bene alla conversione "green"