NOVITA' MOTOCICLISMO

Gobi Desert Rally, avventura nelle terre di Gengis Khan

L’estate 2019 si prospetta avventurosa per motociclisti e accompagnatori: a fine agosto arriva la prima edizione del Gobi Desert Rally, un viaggio di quasi dieci giorni in Mongolia su moto KTM 350 EXC e Hummer H3, tra le immense distese silenziose del deserto dei Gobi

Gobi Desert Rally, avventura nelle terre di Gengis Khan
La vacanza ideale
Non è una gara, ma un avvincente rally turistico da affrontare in sella a moto da enduro in quello che fu l'impero di Gengis Khan e lungo la rotta di Marco Polo. Dopo aver puntato la bussola verso oriente, il Moto Club Pavia e la scuderia Mototrek, in collaborazione con il tour operator internazionale Motorcycle Expeditions, sono pronti per la prima edizione del Gobi Desert Rally, un’avventura in Mongolia, terra di popoli nomadi, cieli blu e immense distese silenziose. Un Paese grande cinque volte l'Italia con una popolazione di poco più di tre milioni di abitanti, con orizzonti infiniti e tanto spazio per vivere un'esperienza unica.
L'appuntamento è fissato dal 22 al 31 agosto 2019 per un viaggio-avventura in sella a moto KTM 350 EXC – uguali per tutti – in cui i partecipanti saranno accompagnati e assistiti in totale sicurezza da uno staff di guide esperte. La notte, poi, dormiranno in albergo e in yurta, la tipica abitazione mobile dei nomadi, costruita con struttura portante in legno e copertura in tappeti in lana di pecora e feltro. Sarà un itinerario di 1.100 chilometri complessivi, pressoché tutti in fuoristrada, con tappe da 100 a 250 chilometri giornalieri.
La magia e la vastità del deserto dei Gobi – che in lingua mongola significa “luogo senza acqua” – circonderanno i motociclisti con dune e rocce con aree predesertiche, in cui il verde brillante si fonde tra le sabbie, e dove s’incontrano nomadi ospitali, cammelli liberi e poco altro.
Iscritto al calendario turistico della Federazione Motociclistica Italiana, il Gobi Desert Rally è aperto ai soci FMI con tessera member in possesso di certificazione medica per attività sportiva non agonistica. Inoltre, vi possono partecipare anche gli accompagnatori, seguendo la manifestazione in auto a bordo di fuoristrada Hummer H3 condotti da personale dello staff.
Sono ammessi al via 20 partecipanti in moto e 10 in auto; è già possibile iscriversi e il costo, fino al 10 maggio, è 2.450 euro in moto e 1.900 euro per gli accompagnatori in auto. La quota comprende noleggio della moto (o posto in auto), pasti, pernottamenti, assistenza, carburante e voli interni da Ulan Bator a Dalanzadgad City e ritorno. Non comprende voli A/R Italia‑Ulan Bator.

Calendario e programma
  • 11 maggio – iscrizioni a tariffa piena: 2.650 euro in moto, 2.000 euro passeggero in auto
  • 1º luglio – (o al raggiungimento di 20 iscritti) chiusura iscrizioni
  • 22 agosto – partenza Italia-Mongolia; notte in albergo
  • 23 agosto – volo interno da Ulan Bator a Dalanzadgad; nel pomeriggio setup delle moto; notte in yurta
  • 24 agosto tappa 1 – la cavalcata del Khan: 240 km in 5-6 ore di sabbia e dune; notte in yurta
  • 25 agosto tappa 2 – Boucle Chaga Khatun ad anello sulle dune; notte in yurta
  • 26 agosto tappa 3 – Il Grande Dinosauro: 230 km in 5-6 ore di roccia e dune; esplorazione area con numerosi fossili; notte in yurta
  • 27 agosto tappa 4 – White Stupa Cliffs: 250 km in 5-6 ore; notte in albergo
  • 28 agosto tappa 5 – Inchino a Gengis Khan, Yolyn Am Valley: 200 km in 5-6 ore tra canyon, cascate e lungo tratto in un'area naturale protetta; notte in albergo
  • 29 agosto – Back to Ulan Bator: volo interno di un’ora; notte in albergo
  • 30 agosto – Ulan Bator; notte in albergo
  • 31 agosto – Ulan Bator; volo di rientro

Tutte le informazioni sono disponibili ai seguenti contatti:
Sito web: gobidesert.it
Telefono: 348.2565.499
E-mail: gobidesert19@mototrek.it
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Luglio 2019
    Questo fine settimana ci sarà la fase finale dello Speedway delle nazioni. I russi padroni di casa puntano al bis iridato, ma dovranno vedersela con Polonia, Danimarca, Australia, Svezia e Germania
  • News
    12 Luglio 2019
    Mondiale motocross - Questo fine settimana si corre a Semarang, dove si è già disputato il GP nel 2018. Gajser e Prado continuano la loro corsa verso il titolo, nel frattempo Cairoli ha annunciato lo stop per questa stagione e si è fatto operare alla spalla sabato scorso
  • News
    08 Luglio 2019
    Alistair Allan ha vinto su Bmw HP2, al secondo posto Ugo Filosa con una Africa Twin. Ma la gara si può affrontare anche con moto di media cilindrata, non necessariamente bicilindriche. Durussel e Alessandrini hanno ben figurato con monocilindrici "storici", mentre le nuove Ktm 790 hanno passato l'esame. Laura Cola ha portato al faro di Finisterre la Royal Enfield.