NOVITA' MOTOCICLISMO

Gilera SMT e RCR, ritorno ai cinquantini

Al Salone di Milano Piaggio ha sfoderato di nuovo lo storico marchio Gilera, utilizzandolo per supermotard SMT ed enduro RCR. Entrambe montano un motore 50 Euro 4 2 tempi e sono dedicate ai quattordicenni che vogliono iniziare al meglio la loro avventura nel mondo delle due ruote

Gilera SMT e RCR, ritorno ai cinquantini
Per motociclisti in erba
Appartenente al Gruppo Piaggio, Gilera ha rinnovato in occasione di EICMA 2017 le piccole SMT ed RCR, rispettivamente supermotard ed enduro uscite di produzione un paio di anni fa. Ora sfoggiano un look significativamente rivisto e nuovi contenuti tecnici: inedite sono le carene, la sella, le grafiche di ispirazione sportiva, il motore monocilindrico 50 cm3 (2 tempi, raffreddato a liquido e rispettoso della normativa antinquinamento Euro 4), gli indicatori di direzione e la cover del tappo serbatoio con serratura. Nuovi sono anche i gruppi ottici (quello posteriore è a led), il manubrio e la strumentazione digitale. Il telaio, comune ai due modelli, è in acciaio ad alta resistenza a doppia culla chiusa. In comune SMT ed RCR hanno anche i dischi freno (da 260 mm all’anteriore e 220 mm al posteriore), mentre le ruote nell'enduro sono da 21 pollici all’anteriore e 18 pollici  al posteriore, con pneumatici off-road e cerchi a raggi, mentre nella supermotard sono in lega leggera da 17 pollici con pneumatici stradali.
Se vuoi scoprire tutte le novità di EICMA 2017, visita lo speciale di inSella.it.
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    06 Marzo 2021
    Nonostante le ovvie difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, il Gruppo Piaggio ha chiuso il 2020 con numeri che fanno ben sperare. Il secondo semestre è stato in particolare testimone di una netta ripresa con un +1,3% di ricavi e un +82,3% per l'utile netto
  • News
    13 Gennaio 2021
    La moto italiana domina la scena nei primi anni '50, conquistando ben sei titoli iridati. Il progetto però è di un quarto di secolo precedente, e sfrutta la geniale intuizione di Gianini e Remor, che avevano disposto i quattro cilindri frontemarcia invece che trasversalmente. La Rondine, oltre che nelle gare, si era distinta anche nei record di velocità, con Piero Taruffi. La mezzo litro di Arcore ha l'albero controrotante, il cambio estraibile e può essere considerata la "nonna" dell'attuale Yamaha M1 di Valentino 
  • News
    24 Gennaio 2018
    Il pilota statunitense sarà al via dell’edizione 2018 della celebre corsa in salita con la nuova naked della casa di Mattighofen. Obiettivo: vincere e battere il suo record stabilito lo scorso anno con una 1290 Super Duke R