NOVITA' MOTOCICLISMO

Gilera Fuoco 500 LT: solo per i francesi

Il Gilera Fuoco 500 LT è il tre ruote sportivo rinnovato del Gruppo Piaggio che riceve una carreggiata anteriore più larga, il computer di bordo tramite smartphone e nuove colorazioni. Verrà venduto solo in Francia, Slovenia e Giordania

Gilera Fuoco 500 LT: solo per i francesi

Si guida con la patente B

I tre ruote di Piaggio hanno avuto un gran successo in Francia, soprattutto le versioni omologate come "motocarrozzetta" che si possono guidare anche con la patente B. Ecco quindi arrivare per il mercato d'oltralpe (ma anche per Slovenia e Giordania...) il Gilera Fuoco 500 LT. Questa nuova versione mantiene tutte le caratteristiche dei tre ruote Piaggio, con sospensione anteriore a parallelogramma composto da quattro bracci alluminio e motore 500 da 40 CV ma il passo è stato allargato di 45 mm e compare il pedale per il freno (modifiche richieste dalle regole di omologazione per le motocarrozzette). Ci sono poi nuove le frecce e c'è anche una porta USB utile per ricaricare gli smartphone. Il Gilera Fuoco 500 LT ha anche un nuovo portatarga ed è disponibile con due nuovi colori: uno sportivo nero opaco e un più sobrio grigio opaco. In Francia costa 8.499 euro.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    03 Luglio 2020
    Rendere Parigi una città a misura d’uomo, dove tutto è raggiungibile in pochi chilometri da percorrere a piedi, in bicicletta o coi mezzi pubblici. La sindaca Hidalgo rilancia la sua politica "green" e tra le sue proposte c'è anche quella di far pagare il posteggio alle moto
  • Politica e trasporti
    20 Giugno 2020
    Dopo quasi un anno di palleggio tra il Ministero dell'Interno e quello dei Trasporti, con la Polizia Stradale che chiudeva un occhio (ma non le assicurazioni), la soluzione dei problemi per la circolazione degli scooter L5e a tre ruote in autostrada potrebbe arrivare a metà luglio con la conversione in legge del Decreto Rilancio 
  • News
    17 Giugno 2020
    Dal 15 giugno numerosi Paesi europei hanno riaperto i confini interni, tornando così a consentire la libera circolazione dei viaggiatori provenienti dall’area Shengen. Tuttavia, la gestione delle frontiere rimane competenza specifica delle singole nazioni, alcune delle quali prevedono limitazioni più stringenti di altre