NOVITA' MOTOCICLISMO

Francia, gli spot auto promuovono le biciclette

Dal 1° marzo entra in vigore una legge che obbliga i costruttori di automobili a inserire nelle pubblicità di vetture delle frasi a favore della mobilità sostenibile elaborate dal ministero della Transizione ecologica. Dal 2028 sarà vietata anche la pubblicità dei modelli con emissioni di CO2 superiori ai 128 grammi/km

Francia, gli spot auto promuovono le biciclette
Multe fino a 50.000 euro
Per i viaggi brevi, vai a piedi o in bicicletta”. È uno dei messaggi che dal 1° marzo 2022 diventerà obbligatorio inserire all’interno delle pubblicità delle auto pubblicate sulla carta stampata o trasmesse in tv, al cinema, in radio o sui canali digitali. Accade in Francia, dove una nuova legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale costringe gli inserzionisti del mondo automotive a utilizzare le frasi previste dal ministero della Transizione ecologica a favore della mobilità sostenibile e alternativa come quella citata o come “Considera il car pooling” e “Prendi i mezzi pubblici”. L’intento del legislatore, naturalmente, è mettere in evidenza le alternative all’uso dell’auto che possono contribuire a contenere le emissioni di gas serra e di inquinanti dannosi per il Pianeta e le persone.
La conferma arriva direttamente da Barbara Pompili, la ministra della Transizione ecologica, secondo cui “decarbonizzare il trasporto non significa solo passare ai motori elettrici, ma anche usare il trasporto pubblico o la bicicletta quando possibile”. La norma, per altro, rientra in un pacchetto di provvedimenti a favore della mobilità attiva e bike friendly comprendente il divieto di fare pubblicità ai modelli che emettono oltre 123 grammi/km di CO2 a partire dal 1° gennaio 2028. Una serie di misure poco gradite ai costruttori di auto che rischiano anche una multa fino a 50.000 euro per ogni inserzione che violi la nuova legge. Se gli umori non sono buoni, c’è da considerare che le richieste delle associazioni ambientaliste erano ancora più severe: il bando delle pubblicità di auto con emissioni superiori ai 95 g/km di CO2. Un limite che, di fatto, avrebbe escluso dagli spot tutte le vetture ad esclusione di elettriche, ibride plug-in e i più efficienti modelli ibridi o di piccola taglia. Se fosse passato il tetto del 95 grammi, sostengono gli esperti, si sarebbe rischiato di mettere in crisi il settore delle quattro ruote già debilitato dal calo di vendite della pandemia, ma pure quello dell’editoria. La pubblicità di auto, infatti, è il secondo inserzionista in Francia, dietro la grande distribuzione.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    18 Maggio 2022
    Telaio innovativo, componenti di qualità e un sistema elettrico sviluppato con Shimano creato per rendere più efficiente e naturale il supporto elettrico. Sono le doti principali della nuova front spagnola con sospensione da 120 mm e accumulatori da 540 Wh che, con range extender, possono arrivare a 792 Wh 
  • Green Planet
    05 Maggio 2022
    Sono dedicate alla città catalana le due nuove e-bike urbane del produttore romagnolo proposte nelle declinazioni Man e Lady. In comune hanno un look curato nei dettagli e impreziosito dal cestino anteriore di serie, nonché il kit Oli Sport One da 60 Nm con batterie integrate da 360 Wh
  • Green Planet
    26 Aprile 2022
    Sono due le e-bike Special Edition nate dall’alleanza tra il costruttore berlinese di bici a pedalata assistita e il produttore di articoli sportivi, entrambe hanno telaio in acciaio realizzato a mano e ruote fat da 20x4”. La UDX si ispira alle BMX, mentre la UNI MK al mondo delle moto vintage
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Fresche di lancio già guidate
Green Planet