NOVITA' MOTOCICLISMO

Fase 2, FMI e Confindustria Ancma scrivono al Governo

In una lettera indirizzata al premier Conte e ai ministri De Micheli e Spadafora, i presidenti delle due associazioni chiedono maggior attenzione all’interno comparto colpito dal lockdown e più agevolazioni all’utilizzo delle due ruote a motore

Fase 2, FMI e Confindustria Ancma scrivono al Governo
Un aiuto per ripartire
Il mondo delle due ruote a motore chiede a gran voce attenzione al Governo. Il presidente della Federazione Motociclistica Italiana, Giovanni Copioli (a sinistra nella foto), e quello di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), Paolo Magri (a destra), hanno segnalato in una lettera congiunta il difficile stato in cui versa l'intero comparto. I destinatari? Il premier Giuseppe Conte e i titolari dei dicasteri delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, e dello Sport, Vincenzo Spadafora. Sul tavolo, tra le altre cose, ci sono la richiesta di incentivi all’acquisto, defiscalizzazioni per abbigliamento protettivo, maggiore chiarezza nelle disposizioni per l’uso delle motociclette in ambito sportivo e mototuristico. A essere interessato è l'intero comparto che in Italia genera occupazione per un indotto di oltre 90mila persone; bisogna poi considerare l’attività sportiva di settore e gli oltre 110mila tesserati strutturati in 1740 Moto Club. “Ci rendiamo perfettamente conto delle difficoltà operative in cui è costretto a lavorare il Governo Italiano in queste settimane” si legge nella lettera, “desideriamo però attirare con forza la Sua attenzione verso alcuni argomenti di particolare importanza, proprio a fronte dei numeri sopra elencati”. Il primo è la “situazione economica, mobilità e circolazione”. Bisogna aiutare le imprese: “Lo strumento degli incentivi economici è indispensabile per favorire l’accesso dei cittadini a un mezzo di spostamento sostenibile e per aiutare aziende e concessionari a smaltire gli stock di veicoli euro 4 formatisi a causa del lockdown. Moto e scooter anche elettrici, hanno un ruolo decisivo nel risolvere i problemi di traffico e certamente rispettano il fondamentale distanziamento sociale. In più sulle medie e lunghe distanze (tangenziali e strade a grande percorrenza) risultano decisamente più idonei”, scrivono i due presidenti. Il secondo punto riguarda “discrezionalità regionali, attività sportiva individuale e atleti di interesse nazionale”. In poche parle ogni Regione fa da sé nella regolamentazione dell'uso delle moto nella Fase 2 (per turismo e per sport), con la conseguente confusione. “I nostri utenti faticano a districarsi in un'enorme mole di norme diverse, spesso in contrasto tra loro, alimentando le loro proteste anche nei confronti dell’Autorità di Governo”, continua la lettera, “dal 4 maggio si possono effettuare attività sportive individuali, ma nei documenti ufficiali non riusciamo a trovare la chiarezza che auspichiamo riguardo l’uso delle motociclette, strumento a guida singola e distanziata per eccellenza. Siamo invece fermamente convinti che l’uso sportivo della motocicletta, in pista o in fuoristrada, abbia caratteristiche decisamente simili a quello della bicicletta o del cavallo”. C'è poi lo sport: “Limitare gli allenamenti agli atleti di interesse nazionale trascura la maggioranza degli appassionati che formano una base consolidata e indispensabile per le nostre attività”, si legge. Da ultimo la richiesta di sospendere il divieto di circolazione delle oltre 250mila motociclette iscritte al Registro Storico, “perché anche le moto storiche, se ufficialmente certificate, possono rappresentare una valida alternativa alla mobilità”. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    10 Ottobre 2020
    Una corona d’alloro dorato per rendere omaggio ai successi del nostro motociclismo. Disegnato da Aldo Drudi, il logo celebrativo del 110° anniversario FMI è stato  presentato l’8 ottobre, data in cui, nel 1911, veniva organizzato il primo Campionato Motociclistico Italiano sul percorso Milano-Aprica-Milano
  • News
    30 Agosto 2020
    Il Registro storico FMI con questa Yamaha OW01 del 1989 ha raggiunto quota 250.000 moto iscritte, un traguardo decisamente importante "Poter vantare 250.000 moto iscritte al Registro Storico è per noi motivo di grande soddisfazione, ma allo stesso tempo deve essere uno stimolo per continuare a garantire qualità e competenza, determinanti per raggiungere ulteriori traguardi” ha detto il presidente FMI Copioli

  • News
    03 Agosto 2020
    Incentivare gli acquisti tramite carte e bancomat per stimolare i consumi e vincere la guerra al  contante, questi gli obiettivi del Decreto agosto nato per risollevare il settore della ristorazione ma che potrebbe anche essere esteso a quello dell'abbigliamento. In quest'utlimo, fino a prova contraria, rientrerebbero anche i capi tecnici da moto: se fosse approvato, potremmo quindi aspettrci sconti per il "nostro" guardaroba