NOVITA' MOTOCICLISMO

È sparito il turbo dalla Suzuki Recursion

Suzuki continua a lavorare sul suo prototipo Recursion: la dimostrazione è nel nuovo brevetto depositato in Giappone lo scorso febbraio e reso pubblico solo lo scorso 20 agosto, dove però è sparito il turbocompressore

È sparito il turbo dalla Suzuki Recursion
Niente turbo?
Forse non ricordate il prototipo Recursion presentato da Suzuki sette anni fa, ma potrebbe essere stato il papà di alcune novità molto interessanti. Quella concept bike montava un motore bicilindrico parallelo con distribuzione monoalbero a camme in testa di 588 cm³, inedito ma soprattutto dotato di turbocompressore; due anni dopo venne presentata l’evoluzione bialbero XE7, nella quale erano rimasti lo schema bicilindrico parallelo e il turbocompressore, ma tutto il resto era nuovo, compresa la cilindrata passata a 700 cm³.
Era il 2013 e della Recursion non si è più saputo nulla, ma Suzuki continuava a lavorare: la dimostrazione è nel nuovo brevetto depositato in Giappone lo scorso febbraio e reso pubblico solo lo scorso 20 agosto dove però è sparito il turbocompressore.
La sua presenza aveva influenzato in maniera sensibile la conformazione del motore, dell’airbox, del sistema di raffreddamento e ovviamente dello scarico ma adesso non c’è più. I disegni del brevetto parlano chiaro.
Questo non significa però che il turbocompressore sia stato abbandonato: è probabile che la versione più spinta del nuovo motore abbia bisogno di un maggiore sviluppo, o addirittura più semplicemente che la applicazione turbo non abbia avuto bisogno di nuovi brevetti e dunque non compaia nei disegni.
Certo, resta la curiosità di sapere quando arriverà la nuova bomba Suzuki e come sarà. Ma su questo tema i giapponesi sono impenetrabili.
 
 A sinistra il prototipo Recursion, a destra il suo motore dotato di turbocompressore

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    20 Ottobre 2020
    Vestita con il  blu e l’argento delle prime Suzuki da Gran Premio Anni 60, la nuova GSX-R1000R Anniversary festeggia i 100 anni della Casa di Hamamatsu. Dotata di un nuovo scarico Akrapovic in carbonio, è disponibile nelle concessionarie ma in soli 30 esemplari
  • News
    20 Ottobre 2020
    Il meteo cambierà al Motorland e nessuno sa cosa aspettarsi: le Ducati possono solo fare meglio, ma contro le Suzuki di Mir e Rins sarà dura averla vinta. Alla fine del mondiale mancano solo 4 gran premi e Dovizioso deve trovare un modo per riuscire a sfruttare meglio il match tra le Michelin e il motore V4 della sua Desmosedici
  • News
    19 Ottobre 2020
    Brivio celebra sia la vetta del mondiale con Mir che il successo con Rins: Dovizioso non dimentica i malumori con Petrucci ma continua a raccogliere punti per tenere accesa la speranza: sono 15 le lunghezze di distanza dal primo. Yamaha, problemi di pressione: le gomme si rivelano decisive ancora una volta