NOVITA' MOTOCICLISMO

Coronavirus, cosa fare in moto e cosa no fino al 3 aprile

Le disposizioni per cercare di arginare il contagio da Coronavirus interesserenno tutti gli italiani fino al 3 aprile. Vediano allora cosa è permesso fare e cosa no con le moto e in generale nella vita di tutti i giorni, in questi tempi di epidemia

Coronavirus, cosa fare in moto e cosa no fino al 3 aprile
Cosa possiamo fare?
Il decreto ministeriale resosi necessario per arginare l'epidemia di Cornavirus che ha colpito la nostra penisola limita, e di molto, quello che possiamo fare. Purtroppo, perché il Coronavirus rallenti la sua corsa saremo obbligati, almeno fino al 3 aprile, ad adottare delle norme igieniche e di comportamento stringenti e rigorose. Quello che ancora non è chiaro, è cosa davvero potremo fare, per cui facciamo un po' di chiarezza.

- Lo scooter e la moto, ad esempio, si possono usare, solo per motivi di lavoro, o di stringente contingenza. Ovviamente non si può usare la propria due ruote per motivi "ludici": il semplice giretto domenicale, dunque, è espressamente vietato. Stesso discorso per gli endurisiti: un eventuale incidente con obbligo di ricovero andrebbe a sovraccaricare un sistema sanitario già al limite, e per questo il Governo pretende che non ci si prenda rischi gratuiti. Crossisti e pistaioli poi non troveranno di certo strutture aperte.

- Se utilizzate la moto (o uscite a piedi, è irrilevante) per contingenze inderogabili, in ogni caso, dovrete munirvi di autocertificazione che comprova la necessità della vostra uscita. Non sono previsti posti di blocco, però la polizia può fare controlli a campione e verificare che la vostra uscita sia davvero necessaria. 

- Questione "grigia" è il supporto agli anziani: secondo il decreto potremo andare a trovarli, anche fuori dal nostro comune di domicilio, solo se non autosufficienti. Le visite di cortesia, invece, sono vietate. Altra deroga allo "restare a casa" è per andare a prendere un minore a casa dell'ex coniuge. Per chi ha animali domestici, è consentito portarli fuori per i bisogni, e persino andare dal veterinario in caso di necessità.

- Si potrà anche andare dal medico solo se non si presentano sintomi evidenti quali febbre o anche solo il sospetto di essere contagiati. Stesso discorso per i pronto soccorso: non presentatevi lì se state male o pensate di aver contratto il virus.

Tra i servizi garantiti i supermercati (le scene di market assaltati per paura di non avere provviste sono insensate) e le farmacie. Resteranno attive le consegne a casa, per cui fattorini e corrieri lavoreranno in maniera normale.

Sono state sospese tutte le manifestazioni pubbliche: stop a motoraduni, demo ride e quant'altro, chiusi anche i luoghi di ritrovo, come cinema, teatri e palestre. Sospesi anche matrimoni, funerali e tutte le funzioni religiose. 
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    29 Luglio 2020
    La casa di Borgo Panigale ha raccolto oltre 170.000 euro che sono stati donati al Policlinico S.Orsola di Bologna, i fondi saranno utilizzati per comprare nuove apparecchiature e rafforzare le terapie riabilitative dedicate ai pazienti colpiti da Coronavirus
  • Industria e finanza
    28 Luglio 2020
    Ricavi in calo, ma non di molto considerate le enormi difficoltà a cui il mercato è andato incontro in questi mesi di lockdown. Approvato dal cda, il bilancio del Gruppo Piaggio per il primo semestre dell’anno evidenzia la capacità dell’azienda di reggere alla crisi
  • News
    16 Giugno 2020
    Il Salone di Colonia non si terrà causa Coronavirus. Gli organizzatori comunicano che, visto il consueto afflusso di gente, le modalità di svolgimento dell'evento sono incompatibili con le norme sanitarie e la sicurezza. Il pubblico potrà seguire le presentazioni via streaming