NOVITA' MOTOCICLISMO

Bosch Integrated Connectivity Cluster, lo schermo da moto per le app

Il nuovo display da 10,25 pollici di Bosch consente di visualizzare i dati relativi alla moto e allo stesso tempo i contenuti delle app dallo smartphone. Le prime ad utilizzarlo saranno BMW, Ducati e Kawasaki

Bosch Integrated Connectivity Cluster, lo schermo da moto per le app
Sempre connessi
Finora era una possibilità riservata solo alle automobili: avere uno schermo che riporti le informazioni fornite dalle app dello smartphone è pratica ormai comune nel mondo delle quattro ruote. Ed è molto utile: basti pensare alla funzione di Google Maps che di fatto sostituisce il navigatore dell'auto. Ma con il nuovo Integrated Connectivity Cluster di Bosch, anche le moto potranno condividere tutte le informazioni dello smartphone senza che il pilota si distragga. E lo farà tramite un display tft da 10,25 pollici in abbinamento alla app mySPIN che permette la visualizzazione dei contenuti del telefono connesso sullo schermo presente sulla moto. Bosch ha sviluppato mySPIN proprio per l'integrazione dello smartphone e per rendere più sicuro e comodo l'uso di contenuti del proprio dispositivo. Il nuovo display Bosch farà il suo debutto sulle Bmw, ma Ducati inserirà la funzione nel nuovo display da 6,5 pollici, sempre di Bosch, ma senza l’opzione di divisione schermo, mentre dal 2021 anche Kawasaki utilizzerà questa soluzione. Agli utenti è lasciata la possibilità di scegliere quali contenuti vogliono visualizzare, gestendo le operazioni tramite i comandi al manubrio. Cosa ne pensano i costruttori di questa possibilità? "Vogliamo che i motociclisti possano accedere ai contenuti dello smartphone in modo facile e integrato quando sono alla guida della moto”, ha affermato Vincenzo De Silvio, research and development director in Ducati, “con la piattaforma mySPIN e l'Integrated Connectivity Cluster abbiamo trovato la soluzione migliore per realizzare questo obiettivo".

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Spy
    27 Novembre 2020
    Anche Honda sta sviluppando la tecnologia radar per le sue moto. Stando ad alcuni brevetti depositati di recente, il primo modello a sfoggiare questo nuovo sistema dovrebbe esssere la Gold Wing, da sempre una delle bandiere tecnologiche della casa giapponese
  • News
    26 Settembre 2020
    Bosch milgiora ulteriormente il suo test di rilevamento SAR-coV-2 abbassando il tempo per ottenere il risultato a soli 39 minuti. Una performance che potrebbe portare numerosi vantaggi, come l'abbassamento dei tempi di qurantena e la possibilità di effetture un numero maggiore di test
  • Spy
    15 Luglio 2020
    Nuovi brevetti ci mostrano la prossima H2 SX di Kawasaki equipaggiata con il sistema radar sviluppato da Bosch. La tourer sportiva made in Akashi segue l’esempio di Ducati, BMW e KTM, proponendo però un’interessante soluzione utile a “mascherare” l’antiestetica scatoletta