NOVITA' MOTOCICLISMO

BMW F 900 R, al salone della moto di Milano la nuova naked leggera

La nuova naked della casa bavarese sfoggia una linea tutta nuova e il motore bicilindrico parallelo portato a 900 cm3 capace di 105 CV. La dotazione comprende due riding mode e controllo di trazione ASC

BMW F 900 R, al salone della moto di Milano la nuova naked leggera
Motore maggiorato
BMW è fortissima nelle maximoto di lusso ma non trascura la fascia media, ed è proprio a questa che si rivolge la F 900 R. Il nuovo modello, esposto a EICMA, è il successore della F 800 R ma rispetto a quella è cambiata tanto. Resta una naked naturalmente, ma è stata completamente ridisegnata e nemmeno il motore è più lo stesso. La sintesi del project leader, Michael Zweck, è che sia stato compiuto un grande progresso generalizzato: la F 900 R «è precisa, intuitiva, dinamica e dispensa il piacere della guida in tutte le situazioni».
Il motore bicilindrico parallelo deriva da quello introdotto nel 2018 sulla F 850 GS. Per questa applicazione è stato portato da 853 a 895 cm3 ed ha raggiunto la potenza di 105 CV/77 kW; più che adeguata a una moto di questa impostazione, anche perché sostenuta da una curva di coppia generosa. È nuovo pure il silenziatore, basso, progettato per enfatizzare l’evocativo suono derivante dalla sequenza asincrona degli scoppi, fasati a 270°/450°. Infine da segnalare anche la disponibilità, optional, del controllo MSR che tiene a bada il freno motore.
Se vi piace l’elettronica, comunque, la F 900 R ha di serie due riding mode (Rain e Road) e il controllo di stabilità ASC disinseribile; optional i Riding Modes Pro (Dynamic e Dynamic Pro), il Dynamic Traction Control DTC, l’ABS Pro e il Dynamic Brake Control (DBC) che impedisce di tenere aperto l’acceleratore nelle frenate da “panico”.
Analogamente ai modelli GS della famiglia F qui viene usato un telaio definito “a ponte”, chiuso nella parte inferiore dal motore che dunque è elemento stressato, con il telaietto posteriore imbullonato; il serbatoio del carburante è tornato in posizione classica, tra le gambe del conducente.
Conformemente alla sua anima naked la F 900 R ha sospensioni dall’escursione relativamente corta – stradali –, all’anteriore una forcella a steli rovesciati da 43 mm di diametro e dietro un forcellone con monoammortizzatore regolabile nel precarico molla, nel freno in compressione ed in estensione.  Mentre l'impianto frenante sfoggia doppio disco anteriore da 320 mm con pinze ad attacco radiale. Il peso in ordine di marcia è di 211 kg.
Come optional è disponibile il Dynamic ESA che regola elettronicamente la taratura della molla posteriore in base allo stile di guida e alle caratteristiche del percorso, così come è disponibile tra gli optional il pacchetto Headlight Pro che include il faro adattivo.
La 900 R è disponibile nelle colorazioni Blackstorm metallic (nero metallizzato), San Marino Blue metallic (blu metallizzato) e Style Sport (combinazione di Hockenheim Silver metallic/Racing Red, cioè argento e rosso).
Cliccate qui per scoprire tutte le novità di EICMA 2019.


NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    05 Aprile 2020
    Paolo Magri, presidente di Confindustria Ancma (Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori) e consigliere di EICMA Spa conferma la fiera di novembre e giudicata premature le decisioni delle due case motociclistiche di non parteciparvi
  • News
    03 Aprile 2020
    BMW ha finalmente presentato l'attesa R 18, la custom anticipata dalla Concept R18 ammirata la scorsa estate al Concorso d’Eleganza Villa d’Este. È davvero bella, essenziale, retrò nelle forme ma “moderna” nella tecnica grazie al nuovo Boxer da 1.802 cm3 e alla dotazione elettronica. La casa bavarese dichiara guerra alle case americane sul loro stesso terreno e senza "copiare": in questa moto c'è tutta la storia e l'esperienza del marchio
  • News
    03 Aprile 2020
    KTM non parteciperà quest’anno a nessuna manifestazione fiera o esposizione a livello globale. L’annuncio, immediatamente successivo a quello di BMW, mina gravemente la prossima edizione di EICMA: è chiaro che ulteriori defezioni potrebbero spingere gli organizzatori a rimandare tutto al 2021