NOVITA' MOTOCICLISMO

Futuro elettrico: siglato l'accordo tra Piaggio, Honda, KTM e Yamaha

Promuovere la diffusione su vasta scala dei veicoli elettrici leggeri incentivando una gestione più sostenibile del ciclo di vita delle batterie. Per farlo, nasce il Swappable Batteries Motorcycle Consortium: dopo la lettera d’intenti arriva oggi l’accordo ufficiale siglato tra il Gruppo Piaggio, Honda Motor, KTM, e Yamaha

Futuro elettrico: siglato l'accordo tra Piaggio, Honda, KTM e Yamaha
Swappable Batteries Motorcycle Consortium
Datata 1 marzo 2021, alla lettera d’intenti siglata tra il Gruppo Piaggio, Honda Motor, KTM, e Yamaha segue oggi l’accordo ufficiale per la fondazione dello Swappable Batteries Motorcycle Consortium (SBMC). L’obbiettivo, lo ricordiamo, è quello di promuovere la diffusione su vasta scala dei veicoli elettrici leggeri come ciclomotori, scooter, motocicli, tricicli e quadricicli a motore, e incentivare una gestione più sostenibile del ciclo di vita delle batterie in linea con le politiche internazionali sul clima. 



Quattro obiettivi

Il Consorzio punta soprattutto a risolvere le problematiche in relazione al futuro della mobilità elettrica, come l'autonomia, i tempi di ricarica, l'infrastruttura e i costi, senza perdere di vista i quattro obiettivi principali, vale a dire lo sviluppo di specifiche tecniche comuni per i sistemi di batterie intercambiabili; la verifica della possibilità di condividere i sistemi di batterie; la definizione e promozione delle specifiche comuni del Consorzio, da proporre come standard agli organismi di standardizzazione europei e internazionali e, ultimo ma non meno importante, l’ estensione dell'adozione delle specifiche comuni del Consorzio a livello globale.

Un Consorzio “aperto a tutti”

Il progetto, per funzionare, dovrà per forza di cose avvalersi di numerose altre “collaborazioni”. I quattro membri fondatori invitano infatti tutti gli stakeholder interessati ad unirsi al progetto per arricchire l'esperienza del Consorzio, al fine di “garantire una maggiore diffusione dello standard di batterie intercambiabili”. I soggetti interessati ad unirsi allo SBMC - fanno sapere tramite apposito comunicato Piaggio, Honda, KTM, e Yamaha - possono contattare uno dei membri fondatori per ulteriori informazioni.

Riportiamo di seguito le dichiarazioni ufficiali rilasciate dai responsabili dei singoli brand.


Michele Colaninno, Chief of strategy and product del Gruppo Piaggio

"La mobilità urbana sta attraversando un delicato momento di transizione verso l'elettrificazione. Grazie a questo Consorzio, in cui sono rappresentati quattro protagonisti, aziende leader del mercato, i motocicli continueranno a ricoprire un ruolo chiave nel contesto urbano. Le batterie intercambiabili forniscono una risposta ottimale per l'accelerazione dei tempi di ricarica dei veicoli, offrendo agli utenti un'alternativa estremamente interessante. La mobilità urbana è parte integrante della storia e del DNA di Piaggio, e noi intendiamo mettere tutto il nostro know-how tecnologico e il nostro spirito di innovazione al servizio del Consorzio".

Yoshishige Nomura, Chief Officer, Motorcycle Operations, Honda Motor Co., Ltd.
"Honda ritiene che l'adozione di motocicli elettrici su vasta scala possa contribuire in modo sostanziale alla realizzazione di una società più sostenibile. Proprio per questo è necessario risolvere diverse problematiche, come l'estensione dell'autonomia, la diminuzione dei tempi di ricarica e la riduzione del costo di veicoli e infrastrutture, in modo da aumentare la convenienza per i clienti. Nell'ambito del Consorzio che abbiamo creato, i membri fondatori che operano nel settore dei motocicli e gli altri stakeholder collaboreranno alla standardizzazione delle batterie intercambiabili, dei relativi sistemi di ricarica e di tutta l'infrastruttura di supporto, allo scopo di creare un framework adatto a promuoverne l'utilizzo. Il nostro obiettivo è promuovere l'uso dei motocicli come mezzo di trasporto pratico ed efficiente per la mobilità del futuro".

Stefan Pierer, CEO di PIERER Mobility AG
"La sottoscrizione dell'accordo di fondazione del Consorzio è una scelta fondamentale per garantire l'evoluzione della PIERER Mobility AG, affinché possa continuare a proporre prodotti innovativi al passo con i tempi e a concretizzare la sua chiara visione strategica per i veicoli elettrici a due ruote. Intendiamo collaborare con i nostri partner alla realizzazione di un sistema di batterie intercambiabili per i veicoli a bassa tensione (48 V) con capacità massima di 11 kW, in base agli standard tecnici internazionali. Stiamo facendo tutto il possibile per tutelare il ruolo dei veicoli a due ruote nel futuro della mobilità urbana ed extra-urbana".

Takuya Kinoshita, Senior Executive Officer e Chief General Manager Yamaha Motor 

"Lo Swappable Batteries Motorcycle Consortium è finalmente pronto a entrare in azione in Europa. Spero che la nostra iniziativa spinga altre aziende che condividono i nostri stessi valori a prendere parte a questa missione, al fine di generare un cambiamento rivoluzionario per il futuro. Noi di Yamaha Motor siamo certi che questa iniziativa contribuirà a uniformare le specifiche tecniche e gli standard, massimizzando i vantaggi dell'alimentazione elettrica per i clienti di tutto il mondo".


 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    18 Ottobre 2021
    Destinata al solo mercato giapponese, la CB1100 "Final Edition” sarà prenotabile entro e non oltre il 30 novembre. Due le versioni disponibili: l’EX con ruote a raggi e la RS con sospensioni Showa. Honda prevede di produrne al massimo 1600 esemplari
  • News
    16 Ottobre 2021
    Sono passati 50 anni dalla fondazione di Honda Italia, che attualmente dispone di una forza lavoro di 600 dipendenti, in grado, nei periodi di maggiore impegno, di salire fino a 900. La sua linea produttiva è in grado di costruire fino a 500 veicoli al giorno
  • News
    16 Ottobre 2021
    MotoGP news – Ancora tre gare e poi si chiuderà definitivamente l'era di Valentino Rossi nel Motmondiale. Il Dottore ha segnato profondamente la storia di Yamaha in MotoGP, e Lin Jarvis, managing director della Casa di Iwata, ha raccontato alcuni retroscena di questa avventura