NOVITA' MOTOCICLISMO

Bajaj V, realizzata col metallo recuperato da una portaerei

Per realizzare la V, naked con motore 150, venduta solo sul mercato indiano, Bajaj ha utilizzato il metallo recuperato dalla demolizione di una portaerei della marina nazionale: la Vikrant, la prima a essere costruita e progetata in India. Un modo furbo per far leva sull'orgoglio nazionale... Ecco il video promo

Bajaj V, realizzata col metallo recuperato da una portaerei
Acciaio storico
La Bajaj V è una motoretta classicamento orienae, dotata di motore 150 cm3 che Bajaj ha realizzato per il solo mercato interno. La moto è soprannominata l'invincibile, non solo per le doti di robustezza ma anche perché telaio e serbatoio sono realizzati con l'acciaio ricavato dalla dismissione una portaerei storica dell'esercito indiano: la Vikrant, protagonista della guerra indo-pajkistana del 1971. La nave, demolita da poco, lascerà i mari per disperdersi in migliaia di esemplari che solcheranno questa volta le strade di tutta l'India. Tutto sommato, una fine più che onorevole e un modo furbo per promuovere la moto. Ecco il video promo della V, realizzato con il consueto gusto indiano, parecchio “sopra le righe” ma comunque d'impatto. Buona visione. 


NOTIZIE CORRELATE
  • Scooter
    22 Ottobre 2019
    In arrivo sul mercato indiano a gennaio 2020, il nuovo Chetak elettrico di Bajaj punta al segmento “premium”. Le linee sono da scooter europeo, i dettagli curati e la carrozzeria interamente in metallo. Il prezzo sarà competitivo, arriverà anche in Europa?
  • Spy
    14 Agosto 2019
    Rakesh Sharma, direttore esecutivo di Bajaj, ha annunciato che l’alleanza con KTM per lo sviluppo di moto e scooter elettrici potrebbe includere anche una modello ad elevate prestazioni che andrebbe ad affiancare la gamma "economica" allo studio per il mercato interno
  • Green Planet
    07 Giugno 2019
    KTM Industries AG e Bajaj Auto Ltd collaborano - in India - per lo sviluppo e la produzione di una nuova piattaforma elettrica “condivisa” e destinata ai futuri modelli a zero emissioni. I primi risultati dovrebbero arrivare per il 2022