NOVITA' MOTOCICLISMO

Aurus Escort, moto elettrica per la scorta di Putin

I disegni sono di un brevetto russo per una moto totalmente elettrica, la Aurus Escort dovrebbe andare a far parte del parco mezzi dei servizi di scorta dei diplomatici russi e anche del presidente Putin

Aurus Escort, moto elettrica per la scorta di Putin
Scorta ecologica
Per ora sono solo disegni, ma quella che vedete dovrebbe essere la moto che andrà a far parte del parco mezzi delle scorte che affiancano i movimenti dei politici russi durante le uscite pubbliche e quindi anche il presidente Putin. La moto dovrebbe arrivare tra un paio di anni (2022 o 2023) e a vedere dagli schizzi al computer si mostra con un aspetto piuttosto turistico, un mix tra la BMW R 1250 RT e una Honda Pan European, con tanto di parabrezza alto e regolabile, una seduta comoda con schiena eretta, una coppia di valigie laterali (immancabili sulle moto da polizia) e... un motore elettrico. Infatti la Aurus Escort, così dovrebbe chiamarsi la moto, punta ad essere un prodotto attento alle emissioni, oltre che alla sicurezza dei diplomatici. Sviluppata dal centro di ricerca scientifica statale (FSUE NAMI) e dalla Kalashnikov, la Aurus Escort ha già un acquirente importante, la UST, il servizio di sicurezza federale, che dovrebbe utilizzarla come moto utilizzata dal personale delle scorte.
Il motore dovrebbe avere 150 CV, mentre del pacco batterie non si sa ancora nulla, né della sua "capacità" né durata e tempi di ricarica.
Tecnicamente la Aurus Escort dovrebbe avere telaio e forcellone in lega di alluminio, mentre all'avantreno spicca la sospensione di tipo Hossack, cioè una forcella con steli rigidi su cui lavora un ammortizzatore collegato ai bracci e al telaio. Una soluzione tecnica già vista sulle BMW K, il Duolever, con funzione di separare la funzione ammortizzante dallo sterzo, per rendere quest'ultimo neutro anche sulle buche e imperfezioni più profonde, a tutto vantaggio della guidabilità.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    01 Marzo 2021
    KTM, Honda, Piaggio e Yamaha hanno firmato una lettera di intenti per dare vita a un consorzio che definisca le caratteristiche tecniche standardizzate del sistema di batterie intercambiabili, una soluzione che favorirebbe la diffusione delle due ruote elettriche. Tra i benefici del battery swap citiamo la riduzione dei tempi di ricarica e una migliore gestione delle batterie usate
  • Green Planet
    29 Gennaio 2021
    Lo standard di ricarica rapida a corrente continua sviluppato in Giappone è ora disponibile in opzione sui modelli MY2021 in versione RS e “+”. Una tecnologia che consente di ricaricare in un’ora energia sufficiente per viaggiare per 400 km e concretizzato con la progettazione di un’apposita centralina per fare “dialogare” moto e colonnina
  • Green Planet
    27 Gennaio 2021
    Il Gruppo di Imola entra nel mercato delle due ruote elettriche con l’acquisizione del marchio italiano e del suo progetto Lacama, la moto elettrica personalizzabile grazie alla stampa 3D. “Ho visto nel progetto”, ha dichiarato Erik Tazzari, “contenuti e idee realmente innovativi, sarà nostro obiettivo portare il brand Italian Volt e il progetto Lacama allo stadio di sviluppo finale