NOVITA' MOTOCICLISMO

Arriva la Z900RS SE, la Kawasaki che vi strappa una lacrimuccia

Ve ne avevamo già dato un’anticipazione ma adesso è ufficiale: Kawasaki ha messo in produzione una variazione specialissima della sua Z900RS, qualcosa capace di strappare una lacrimuccia di nostalgia ai più… grandi. È la Z900RS SE e richiama in maniera sorprendentemente efficace la gloriosa Z1 regina degli anni 70, con la sua caratteristica livrea ”yellow ball” capace – come afferma Kawasaki stessa – di fare girare la testa a molta gente.

Arriva la Z900RS SE, la Kawasaki che vi strappa una lacrimuccia
Bella e.. speciale
Rispetto alla versione base ci sono alcune modifiche. Al posteriore un ammortizzatore Öhlins S46 (lo stesso della Z 1000 R, con diverse tarature), caratterizzato da un generoso pistone di 46 mm di diametro e camere olio e gas interne separate da un pistone flottante; è dotato di regolazione remota del precarico e di parapolvere a doppio labbro che assicura superiori prestazioni di tenuta. È cambiata anche la taratura della forcella per accordarla alla nuova unità posteriore.
Nuovo pure l’impianto frenante anteriore, più potente: due dischi di 300 mm di diametro con le stesse pinze M4.32 monoblocco a montaggio radiale della Z H2 e una pompa radiale Nissin con il cilindro principale di diametro minore, 17,5 mm invece di 19; le tubazioni sono in treccia metallica.
Per chi vuole aggiungere una punta di personalizzazione, è disponibile come optional anche una mascherina del radiatore con il logo del modello.
Le caratteristiche tecniche rimangono quelle della versione base: motore quattro cilindri in linea DOHC a 16 valvole di 948 cm³, con iniezione a quattro corpi farfallati di 36 mm di diametro, accensione digitale e lubrificazione a carter umido, potenza massima 82 kW (111 CV) a 8500 giri/minuto, coppia massima 98,5 Nm (10 kgm) a 6500 giri/minuto. Il cambio è a sei marce e la frizione in bagno d’olio a comando manuale. Già detto della sospensione posteriore e del freno anteriore, all’anteriore c’è una forcella a steli rovesciati di 41 mm di diametro regolabile in compressione, estensione e precarico.
Il freno posteriore è a disco di 250 millimetri di diametro con pinza a un pistoncino e sulle ruote di 17” sono montati pneumatici 120/70ZR17 M/C (58W) anteriore e 180/55ZR17 M/C (73W) posteriore. Il telaio è a doppia culla in tubi di acciaio e il peso a secco dichiarato di 215 kg.
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    23 Ottobre 2021
    Le versioni 2022 della “Superbike” Kawasaki Ninja ZX-10R saranno disponibili con due nuove colorazioni, la Lime Green/Ebony/Pearl Blizzard White per la R, mentre per la RR, riservata alla omologazione SBK,  c’è il classico Lime Green racing
  • Spy
    22 Ottobre 2021
    I documenti di omologazione depositati da Kawasaki confermano l’arrivo dei radar anche per la supercharged Ninja H2 SX. Telecamere e sensori faranno crescere peso e dimensioni, mentre la potenza del quattro cilindri rimarrà invariata, nonostante l'omologazione Euro 5. Ecco quello che sappiamo
  • Moto
    21 Ottobre 2021
    C’è una nuova livrea per la maxi naked sovralimentata della casa di Akashi, vestita con i colori Metallic Diablo Black/Golden Blazed Green la Z H2 mantiene lo stile della famiglia, ma salta all’occhio per la sua vivacità. Nessuna novità invece dal punto di vista tecnico