NOVITA' MOTOCICLISMO

Moto ibride - I soldati americani guideranno moto a trazione integrale

Il produttore Christini fornirà un lotto di moto a trazione integrale alle truppe americane impegnate in Afghanistan

Moto ibride - I soldati americani guideranno moto a trazione integrale

Per muoversi nel deserto

Per superare le insidie del deserto afgano l'esercito Usa ha deciso di dotarsi di moto a trazione integrale. Il fornitore scelto è Christini, azienda americana specializzata in moto con trazione anche sulla ruota anteriore. La gamma, presentata nel 2008, comprende moto a 2 e 4 tempi con cilindrate da 250 a 450 e c'è anche un kit di trasformazione dedicato a enduro Honda e KTM. Il modello destinato all'esercito è una versione speciale della potente AWD 450, moto che ha partecipato con un buon successo a gare di fuoristrada estremo, come l'Erzberg Rodeo (6° assoluta nel 2008 e record di sorpassi tuttora imbattuto). Il sistema di trasmissione integrale realizzato da Christini si basa su un “doppio pignone” che permette di trasferire il movimento anche alla ruota anteriore. La trazione integrale non è permanente, ma si attiva grazie a un sistema dotato di una frizione che attiva la ruota anteriore solo in caso di perdita di aderenza di quella posteriore.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    01 Gennaio 2020
    Scuolamoto.it dedica una serie di corsi sulla sicurezza attiva e passiva al solo pubblico femminile. Le lezioni si terranno il sabato mattina a Milano nei mesi di febbraio e marzo
  • News
    24 Dicembre 2019
    La norma per l’estensione degli ecobonus di ulteriori 12 mesi è stata inserita nel decreto Milleproroghe. Invariato il meccanismo dell'incentivo: rimangono confermati il vincolo della rottamazione di un mezzo inquinante e la soglia massima dei 3.000 euro del bonus
  • Politica e trasporti
    19 Dicembre 2019
    La norma, approvata in via definitiva, permetterà dal prossimo anno di assicurare tutti i mezzi con la migliore classe di merito presente in famiglia. Il risparmio potrebbe toccare il 50%, ma bisognerà fare i conti con l’aumento dei premi già “minacciato” dalle assicurazioni