NOVITA' MOTOCICLISMO

Due moto una missione, il documentario (benefico) sull'Isola di Man

Cesare Ranucci, motociclista e videomaker ha realizzato un bel documentario sul Tourist Trophy in cui racconta la gara del 2016 con immagini affascinanti e curate. Il progetto è servito anche per portare a termine tre "mission" benefiche

Due moto una missione, il documentario (benefico) sull'Isola di Man
Un documentario benefico
Il Tourist Trophy è uno spettacolo unico al mondo: rischioso e affascinante, si tratta della gara più emozionante, folle e anacronistica al mondo. Per questo esserci, almeno una volta nella vita, è uno dei sogni degli appassionati di tutto il mondo. Ecco qui sotto un bel documentario sull'ultima edizione, realizzato da Cesare Ranucci (col montaggio di Daniele Forcucci), motociclista e videomaker che racconta la sua esperienza. Il viaggio non è servito solo per realizzare il docufilm, ma anche per portare a compimento tre “mission benefiche” legate all'Isola di Man: donare 600 euro al gattile dell'isola di Man (Cats Sanctuary), 600 euro al reparto di soccorso del TT ( Rob Vine Fund) e 1.000 euro per la pensione per cavalli anziani Rest For Old Horses. I fondi sono stati raccolti da Ranucci, attraverso la vendita delle magliette della sua avventura, nel corso delle manifestazioni tenute nelle piazze e concessionarie della sua città e con il contributo del "main sponsor" Walter Tosto. Qui tutti i contatti dell'iniziativa: pagina facebook e canale youtube.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    22 Giugno 2020
    Il campione di Cervera è stato categorico su una possibile partecipazione al Tourist Trophy: "Ho molto rispetto per i piloti che corrono lì, ma a me non piace. Vado in moto per divertirmi e per cercare il limite, ma all'Isola di Man è in gioco la vita"
  • News
    15 Giugno 2020
    La moglie di Mike "The Bike" aveva da poco compiuto 80 anni, il doppio dell'età che aveva il nove volte campione del mondo quando morì in un tragico incidente insieme alla figlia Michelle. Sopravvisse solo David, che oggi ha 45 anni e un figlio che si chiama come il nonno
  • News
    15 Giugno 2020
    Il pilota inglese ha chiuso il giro sul Mountain fermando il cronometro su un incredibile tempo di 15 minuti e 44 secondi. Secondo il team di Conor Cummins, a chiudere il podio Aaron Hislop. Veloce ma non da record Peter Hickman, che ha chiuso la propria prestazione con il sesto tempo assoluto in 16 minuti e 7 secondi