NOVITA' MOTOCICLISMO

Bimota DB9 Brivido, la versione definitiva

Ecco le foto ufficiali della Bimota Brivido: monta il motore Ducati Testastretta da 162 CV, sfoggia materiali di qualità e sospensioni ultraregolabili, pesa solo 177 kg e non ha alcun tipo di "aiutino" elettronico. Il nome scelto è senz'altro azzeccato...

Bimota DB9 Brivido, la versione definitiva

Peso piuma

La Bimota DB9 Brivido è una sportiva con manubrio alto: estrema nell’estetica e nelle prestazioni. Disponibile nei prossimi mesi in versione base ed S, la Brivido deriva dalla DB8, ma invece della carenatura integrale, indossa un vestitino attillato di grande effetto. Il motore è il Ducati Testastretta 1198 cm3 per il quale Bimota garantisce 162 CV e una coppia massima di 127 Nm. Sulla Brivido sono vietati gli aiuti elettronici: niente controllo di trazione né ABS, contano solo il pilota e la sua esperienza. Il telaio è il classico struttura mista di Bimota: un traliccio in tubi quadri d'acciaio con piastre laterali in lega di alluminio. Di qualità le sospensioni: davanti una forcella Marzocchi a steli rovesciati da 43 mm pluriregolabile, dietro un mono anch'esso regolabile della Extreme-Tech. I freni sono Brembo con doppia pinza ad attacco radiale, mentre sulla versione S ci sarà un solo disco di tipo perimetrale, una soluzione già vista sulle Buell che riduce l'effetto autoraddrizzante quando si frena in curva. Completano la dotazione i cerchi in lega OZ e un impianto di scarico in titanio Zard. Ogni elemento è stato studiato per ridurre il peso: le sovrastrutture e il telaietto posteriore sono in carbonio e molti particolari, come le pedane, in alluminio. Sulla bilancia la Brivido fa segnare un peso piuma di 177 kg. Il prezzo non è ancora stato definito ma sarà attorno ai 30.000 euro, in linea con la tradizione Bimota...

 



COMMENTI
Ritratto di desmodronico91
27 Giugno 2012 ore 23:49
Qst e arte!
NOTIZIE CORRELATE
  • Spy
    30 Maggio 2020
    Dal Giappone arriva una notizia che, se confermata, potrebbe rappresentare una svolta nel settore delle piccole cilindrate. Pare infatti che Kawasaki e Bimota stiano lavorando a una versione "extralusso" della ZX-25R a quattro cilindri, vale a dire una moto con ciclistica della casa riminese e motore della mini SBK di Akashi
  • Spy
    26 Maggio 2020
    Pizzicato in fase di test, il muletto in foto fa scoprire nuovi particolari della attesa Bimota KB4. La sportiva riminese sarà spinta dal 4 cilindri della Ninja 1000SX, e sfoggerà una ciclistica raffinata e un’elettronica di livello
  • Spy
    18 Maggio 2020
    Continuano le indiscrezioni sulla nuova moto del marchio riminese. Ultimo dettaglio trapelato, la presenza di sospensioni elettroniche a marchio Öhlins. La moto, pandemia permettendo, potrebbe essere presentata già questo settembre