Contratto, Quartararo resta alla finestra: "La nuova moto non mi convince, aspetto Sepang"

Il campione del mondo in carica non ha trovato quello che si aspettava nei test di Jerez de la Frontera, il rinnovo può aspettare. "Ci servono più cavalli, dobbiamo fare uno sforzo in più per migliorare la M1"

Contratto, Quartararo resta alla finestra: "La nuova moto non mi convince, aspetto Sepang"
I test di Jerez de la Frontera hanno portato molte novità in pista, ma anche qualche conferma, non troppo gradita. In casa Yamaha, in particolare, Fabio Quartararo ha trovato una M1 in versione 2022 che assomiglia "troppo" alla moto di quest'anno.

Questione di cavalli
È noto che Yamaha soffra ormai da tempo immemore di una carenza di potenza nei confronti dei rivali. Nel 2021 El Diablo ci ha messo una pezza, ha corso alla grande soprattutto nella prima parte dell'anno e – anche grazie a 5 pole position- è riuscito spesso a scappare via per vincere un titolo che altrimenti sarebbe stato impossibile da conquistare.
Da qualche mese tuttavia Fabio ha iniziato a fare pressione per avere degli aggiornamenti sostanziali sulla M1, dato che da quest'anno lo sviluppo del motore è stato “scongelato”. A Misano però, nelle prove di settembre, i progressi sono stati modesti, e ieri a Jerez non si è visto granché nel box dei tre diapason. Quartararo ha chiuso nono, ma più che altro non ha trovato grosse novità da provare. “Abbiamo testato una moto molto simile a Misano... Anzi, a essere onesti, era proprio la moto di Misano – ha spiegato con una espressione poco allegra-. Abbiamo provato alcune cose, come un nuovo forcellone e qualcosa a livello di elettronica per quanto riguarda l'anti-wheelie. Ma è stato un test davvero simile a quello di Misano. Dobbiamo lavorare di più per sentire un miglioramento, speriamo di arrivare con una moto migliore a Sepang".

Il rinnovo
Con queste premesse, è inevitabile che il tema si sia presto spostato sul rinnovo di contratto. A domanda sulle tempistiche della trattativa con Yamaha, ancora una volta Fabio ha preso tempo, almeno fino ai prossimi test. “Penso che sia ancora presto. Non voglio firmare nulla prima della Malesia. Voglio almeno vedere l'evoluzione della nostra moto". Quartararo è poi sceso nel dettaglio: “Penso che la mia decisione sia normale. Non penso sia normale firmare per il 2023 senza aver iniziato il 2022, perché penso di sapere quale sia il mio valore. Aspetterò un po' per vedere come si posiziona la squadra, soprattutto per vedere l'evoluzione della nuova moto a Sepang".

 



NEWS MOTOGP