MotoGP 2020, Morbidelli: “Titolo? Non è impossibile”

MotoGP news – Franco Morbidelli sul circuito di Aragon ha centrato la sua seconda vittoria stagionale con una gara capolavoro, e ora ha la carte in regola per giocarsi il titolo: con 25 punti di ritardo dal leader Joan Mir e tre gare dalla fine, tutto è ancora possibile

MotoGP 2020, Morbidelli: “Titolo? Non è impossibile”
"Bisogna  crederci al massimo"
È partito dalla seconda casella della griglia, ha preso la testa della gara dopo la caduta di Nakagami al primo giro, e ha condotto in testa tutto il GP di Aragon. Franco Morbidelli ha firmato così il suo secondo successo nella classe regina e a Sky Sport l'ha raccontato così: “È stata forse la gara più bella della mia vita. Sapevo di dover fare una gara aggressiva, quando ho visto di avere spazio mi sono detto di dare il massimo giro dopo giro. Mi è venuto tutto facile, è stata una gara fenomenale”. Frutto di un grande lavoro: “È una vittoria costruita dalla squadra, abbiamo lavorato fino alle 22 sabato sera nel box per far durare di più questa gomme. Sono ragazzi che ci mettono il cuore, si vede e infatti stiamo andando bene”.
Oltre a questo c’è stato molto di più: “Avevo un livello di concentrazione talmente alto che non mi sembrava possibile finire la gara con un ritmo del genere. È stato qualcosa di "finto". Avevo una concentrazione brasiliana, superiore a quella italiana. Uno dei miei idoli è Ayrton Senna e non ho mai creduto a un livello di concentrazione superiore o diverso rispetto a quello normale, ma oggi comincio a crederci. L’essere umano può fare cose fantastiche se in condizione mentale ottimale. Ho sentito qualcosa di diverso”.
Ora il pilota del team Petronas SRT paga solo 25 punti di ritardo da leader Joan Mir e a tre gare dalla fine, con 75 punti in palio, tutto può ancora succedere. Morbidelli ha detto: “Pensarci è irrazionale, perché siamo un team privato e usiamo un pacchetto dell’anno scorso. Irrazionale però non vuol dire impossibile. Bisogna crederci al massimo e lavorare al massimo come stiamo facendo. Nulla è impossibile nella vita. Molte cose improbabili e inconcepibili si verificano, soprattutto nello sport, perché chi le fa ci crede”.
Guardate il calendario 2020 della top class e la classifica del campionato.

 



NEWS MOTOGP

  • Nelle moto il campionato riservato alle marche vale molto meno di quello piloti, eppure la Desmosedici ha dimostrato di avere molte frecce al suo arco. Dall'Igna si mostra orgoglioso e fiducioso: "Sappiamo dove lavorare per crescere ancora".
  • Morbidelli ha vinto tre gare ed è arrivato secondo nel mondiale con una moto definita spec-A, un ibrido tra la versione 2019 e la 2020. Mentre Quartararo e Vinales si lamentano del materiale factory, Franco ottimizza il pacchetto a disposizione insieme a Forcada. Valentino Rossi dal canto suo spinge per avere sviluppi e ricorda che ci sono diverse aree su cui si può intervenire
  • Oliveira conquista il gp di casa davanti a Miller e Morbidelli, tra i piloti più esperti è nei dieci solo Dovizioso. La Ducati guarda avanti e intanto si gode il titolo costruttori, mentre Yamaha rimane nell'imbarazzante situazione di avere il pilota più vincente in sella alla moto meno evoluta