MotoGP 2020, Mir: “Sono il leader, ma mancano ancora quattro gare”

MotoGP news - Il Gran Premio d'Aragon è stato vinto da Alex Rins con una prova superlativa, sul podio è salito anche il suo compagno di squadra Joan Mir. Il 23enne è ora il nuovo leader del campionato, con sei punti su Fabio Quartararo, la casa di Hamamatsu mancava dalla prima posizione nel mondiale da ben vent'anni

MotoGP 2020, Mir: “Sono il leader, ma mancano ancora quattro gare”
"Mi aspettavo di più"
Nel decimo appuntamento stagionale della MotoGP Suzuki è stata protagonista con Alex Rins: partito dalla quarta fila è riuscito ad arrivare davanti a tutti dominando gran parte della corsa. Lo spagnolo ha centrato la sua prima vittoria del 2020 dopo aver rimediato un brutto infortunio alla spalla nel primo GP a Jerez, e ha raccontato: “Sono molto felice! All'inizio della stagione ho faticato tanto e da allora io e la squadra abbiamo lavorato molto duramente, e aver vinto ora è fantastico! Non ero sicuro di poter vincere partendo decimo, ma ci sono riuscito. Quando stavo inseguendo i piloti davanti a me sentivo di avere un buon ritmo e la moto funzionava davvero bene. Mi sentivo molto rilassato nonostante Marquez e Joan fossero vicini e ho gestito la pressione. Sarà difficile rifarlo di nuovo il prossimo fine settimana, ma di sicuro farò del mio meglio”.
Rins si è ben difeso dagli attacchi di Alex Marquez, e al terzo posto ha tagliato il traguardo il suo compagno di squadra Joan Mir. Il maiorchino ha conquistato il quinto podio in dieci gare e oltre a questo ha ottenuto anche la vetta della classifica iridata della MotoGP, con sei punti di vantaggio su Fabio Quartararo, che è stato frenato da una gomma con problemi di pressione. Mir ha detto: “Sono veramente felice! Tutto lo sforzo che mettiamo in ogni weekend di gara è stato ripagato e ora sono in testa al campionato. In un certo senso non significa molto perché mancano ancora quattro gare e può ancora succedere di tutto, ma è una bella situazione”.  Non si è detto però totalmente soddisfatto della gara: “Mi aspettavo un po’ di più perché all'inizio il mio passo era molto buono e ho mantenuto tutto bene, ma negli ultimi giri ho iniziato a faticare con la gomma anteriore. Avevo molto grip sulla gomma posteriore ma alla fine è stato meglio finire terzo senza rischiare”.
Ecco gli orari diretta TV su Sky e TV8, del GP di Teruel. Guardate anche il calendario 2020 della top class e la classifica del campionato.

 



NEWS MOTOGP

  • Nelle moto il campionato riservato alle marche vale molto meno di quello piloti, eppure la Desmosedici ha dimostrato di avere molte frecce al suo arco. Dall'Igna si mostra orgoglioso e fiducioso: "Sappiamo dove lavorare per crescere ancora".
  • Morbidelli ha vinto tre gare ed è arrivato secondo nel mondiale con una moto definita spec-A, un ibrido tra la versione 2019 e la 2020. Mentre Quartararo e Vinales si lamentano del materiale factory, Franco ottimizza il pacchetto a disposizione insieme a Forcada. Valentino Rossi dal canto suo spinge per avere sviluppi e ricorda che ci sono diverse aree su cui si può intervenire
  • Oliveira conquista il gp di casa davanti a Miller e Morbidelli, tra i piloti più esperti è nei dieci solo Dovizioso. La Ducati guarda avanti e intanto si gode il titolo costruttori, mentre Yamaha rimane nell'imbarazzante situazione di avere il pilota più vincente in sella alla moto meno evoluta