MotoGP 2020, Miller dopo l’incidente di Teruel: “Sto bene, avevo la tuta distrutta”

MotoGP news – L'undicesima gara stagionale, disputata domenica scorsa sul circuito di Teruel, è stata molto breve per Jack Miller che dopo due curve si è trovato per terra senza capire bene il perché. L'australiano ha raccontato l'incidente con Brad Binder dal suo punto di vista, ha accettato le sue scuse e si è sentito fortunato per non aver riportato conseguenze fisiche

MotoGP 2020, Miller dopo l’incidente di Teruel: “Sto bene, avevo la tuta distrutta”
"Capita a tutti"
Il Gran Premio di Teruel di Jack Miller è durato meno di due curve, terminando nella ghiaia dopo essere stato travolto da Brad Binder. Il sudafricano, che quest’anno ha ottenuto la sua prima vittoria in MotoGP a Brno, si è subito scusato con l’avversario e Miller ha commentato: “Non c'è molto da dire in realtà. È stata una gara davvero emozionante, nelle due curve percorse. Ho avuto una buona partenza, sono arrivato all'interno, ho superato circa tre piloti, non ho fatto niente di veramente strano, ma sono stato colpito al posteriore e poi sono finito nella ghiaia e sono caduto. Non è l'ideale”. La cosa più importante è che Miller stia bene: “Per fortuna non mi sono fatto nulla. Entrambe le spalline della tuta sono distrutte, come anche le ginocchiere e ogni parte della tuta che certamente ha fatto il suo lavoro”. Binder si è subito accertato delle condizioni dell’avversario, tra i due c’è stato un abbraccio appena si sono rialzati e Miller ha detto: “Sapevo di essere stato colpito perché non era un normale highside o qualcosa del genere. Mi sono semplicemente alzato e ho visto Brad e gli ho detto, “che diamine!” Mi sono tolto il casco e gli ho chiesto cosa fosse successo e lui ha risposto: “Non lo so amico, mi dispiace”. Gli ho detto di non preoccuparsi. A volte capita, specialmente qui dove le curve sono così strette”.
Poi ha rivisto l’incidente alla televisione ha detto: “Mi è sembrato che avesse valutato male la velocità del gruppo e io sono stato solo sfortunato a essere in quel punto. A volte ha bisogno di tornare in sé, ma l'abbiamo fatto tutti. L'ho fatto anche io”. Questo è il quarto “zero” stagionale per Miller e solo uno di questi è stato a causa sua, a Jerez. Gli altri due episodi risalgono a Le Mans, quando ha avuto un’avaria alla moto, e a Misano, quandoha risucchiato nella presa d’aria una visiera a strappo di Fabio Quartararo.
Binder è stato penalizzato dalla Direzione Gara con un long lap penalty nel prossimo Gran Premio, che si terrà sul circuito di Valencia la prossima settimana.
Guardate il calendario 2020 della top class e la classifica del campionato.

 



NEWS MOTOGP

  • MotoGP news – L’australiano attraverso i suoi profili social ha confermato di esser risultato positivo al Covid, non dovrebbe però mancare alla presentazione del team Ducati che è stata strategicamente spostata al 7 febbraio. Fortunatamente Miller sta bene, non ha sintomi e punta a esserci per i test di Sepang
  • MotoGP news – Come cambierà il Mondiale ora che Valentino Rossi ha definitivamente appeso il casco al chiodo? Secondo il team manager della casa giapponese, Alberto Puig, la sua assenza non si farà sentire, sono arrivate nuove generazioni che offriranno un grande spettacolo
  • MotoGP news – Il manager malese sta per affrontare una nuova sfida creando il suo secondo team nella categoria regina con il debuttante Darryn Binder e il veterano Andrea Dovizioso. Ecco quali sono le sue aspettative