Salta al contenuto principale

Martin minaccia di andarsene se non avrà la Ducati ufficiale

MotoGP news – Jorge Martin nel 2023 ha sfiorato il titolo, ma sente di meritare maggiore attenzione da parte di Ducati. E se non sarà così toglierà il disturbo

Martin vuole una squadra ufficiale
Jorge Martin si è giocato il titolo all'ultima gara con Francesco Bagnaia, entrambi avevano la stessa Desmosedici ma lo spagnolo era nel team satellite Pramac, mentre Pecco era (ed è) pilota ufficiale. Lo spagnolo puntava al team factory già nel 2023, ma la casa di Borgo Panigale gli ha preferito Enea Bastianini, una bocciatura mai digerita da Martin che ora più che mai ha le idee chiarissime: “Il mio obiettivo principale è andare nel team ufficiale Ducati, ma se non sarà possibile dovrò cercare altre opzioni, ci sono tante case che stanno facendo grandi passi in avanti, vedremo quale sarà l'opzione migliore”.

Marc sulla Ducati? Mi dà motivazione”
Forte dell’esperienza accumulata nel 2023, Martin ha dichiarato: “Sono stato vicino a diventare una leggenda, ma comunque ho fatto conoscere il mio nome. Tutti sanno che do tutto, che non lascio mai nulla al caso. Spero di vincere il Campionato del Mondo MotoGP prima di ritirarmi e passare alla storia"Tra gli altri altri rivali con cui dovrà confrontarsi quest’anno c’è Marc Marquez: Mi dà motivazione, confrontarmi con Marc, uno dei migliori della storia, sarà bello. Se riesco a batterlo con la stessa moto mi affermerò come uno dei migliori piloti che ci siano. Penso di potercela fare”. Le aspettative sul conto dell’otto volte iridato sono alte: “Secondo me può lottare per il Mondiale. La sfida sarà simile a quella di quest'anno, con Ducati nuovamente protagonista”.

Da passione a lavoro
Infine si è guardato indietro e ha ammesso: “Non è rimasto molto di quel ragazzo che ha iniziato con le moto. Quando si cresce, e ancor di più nello sport a questo livello, passa dall'essere un hobby e dal divertirsi, all'essere il proprio lavoro e la propria ossessione. Non direi che non mi piace guidare una moto, ma per me è un sacrificio incredibile seguire una rigida disciplina, allenarmi ogni giorno per poi ottenere i risultati: così è difficile goderseli”.

Leggi altro su:

Aggiungi un commento