PROVATA DA VOI

Yamaha FZ6 N 2003-2010

Provata da:
Ritratto di pablox1
inSella a Yamaha FZ6 N 2003-2010
Valutazione: 
3
Average: 3 (1 vote)
 Yamaha FZ6 N 2003-2010
  • Comfort: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Posizione di guida: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Tenuta di strada: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Finiture: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Consumo: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Freni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Vano sottosella: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Sospensioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
Perché l'ho comprata o provata:
Ho comprato questa nuda usata, è la mia prima moto. Da scooterista convinto mi sono appassionato al mondo delle moto e, devo dire la verità, non avevo considerato la FZ6 come prima opzione (preferivo l'Aprilia Shiver). Devo dire però che si è rivelata un'ottima scelta.
Com'è
Esteticamente la trovo originale. Linea pulita e moderna (soprattutto la coda), quotazioni buone (usato) e affidabilità del marchio, queste le carte vincenti. Faro e strumentazione digitale molto belli da vedere (anche se il contagiri non è molto leggibile). Telaio (in alluminio) a vista e serbatoio si distinguono nel mondo delle nude giapponesi (un po' tutte uguali sinceramente). La coda, come anticipavo, sicuramente è la parte più riuscita. Doppio scarico con luce freno posta in cima e frecce che, fossero state bianche in origine, avrebbero donato un aspetto ancora più recente (ma è proprio una finezza). Cerchi da 17 neri e specchietti cromati rettangolari, le donano quasi un'aria vintage. L'unica cosa che secondo me non convince esteticamente è il forcellone posteriore. Stile anni 90 e un po' troppo semplice.
Alla guida
Percorsi quasi 500 km, le mie impressioni sono sicuramente positive. Cercavo una moto bella, poco impegnativa, ed elastica (prettamente uso cittadino). La FZ6 lo è, ma ha anche una doppia faccia da super sportiva "nervosa" (motore derivato da R6). Buona la posizione di guida, anche per chi è alto 1.90 m come me. Con il cupolino poi, migliora la protezione all'aria e non rovina l'estetica generale della moto. La sella è sufficientemente comoda. Tra gli aspetti positivi sicuramente i freni e le sospensioni morbide adatte all'uso cittadino/turistico. Il motore (classico 4 cilindri, 600 cc, 98 cv e 63 Nm di coppia) ama girare alto (>8000 giri) ma anche in città con le marce alte e a bassi giri si rivela molto elastico e non serve usare continuamente il cambio. Migliorabile sicuramente il cambio, forse un po' troppo "duro" e rumoroso negli innesti con le marce basse. La leva della frizione è ok. E, l'aspetto un po' "fastidioso" è il sempre nominato effetto on-off: bisogna farci l'abitudine e gestire la manopola dell'acceleratore (tra l'altro un pochino duretta) con precisione millimetrica.
La comprerei o ricomprerei?
Sicuramente sì. Dettagli e finezze migliorabili a parte si rivela un'ottima moto (con la quale fare "esperienza") e non a caso è stata tra le più vendute della categoria. Tra le giapponesi sicuramente si distingue e non sfigura affatto con le concorrenti europee (italiane e non) magari più belle esteticamente ma ... in quanto affidabilità dell'usato?!
PROVE LETTORI CORRELATE
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
LE PROVE DEI LETTORI PIU' LETTE