PROVATA DA VOI

Kawasaki
D-Tracker
2010 - 2011

Provata da:
Valutazione: 
3
Average: 3 (1 vote)
Kawasaki, D-Tracker, 2010 - 2011
  • Comfort: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Posizione di guida: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Tenuta di strada: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Finiture: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Consumo: 
    0
    No votes yet
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Freni: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Vano sottosella: 
    1
    Average: 1 (1 vote)
  • Sospensioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
Perché l'ho comprata o provata:
L'ho provata in occasione delle lezioni di guida per la patente A1.
Com'è
È un normale motard con conseguenti ruote piccole e sospensioni fin troppo morbide. Le plastiche paiono di buona qualità, dal cruscotto alla sella non scivolosa, alle accurate lavorazioni dei leveraggi. Per quanto riguarda i consumi purtroppo non sono stato in grado di valutarli, in quanto il cruscotto ha una semplice spia della riserva, niente livello. Le gambe risultano ben protette dal calore del motore (nonostante sia raffreddato ad aria). L'unico vano esistente è quel piccolo astuccio sulla coda: inutile. La posizione di guida è soddisfacente, anche se le pedane sono leggermente alte; la sella è morbida e assorbe discretamente le vibrazioni del piccolo monocilindrico. Il cambio è fluido e non soffre impuntamenti, ma ha le prime marce con rapporti un po' corti (adatti comunque al tipo di moto); la frizione è ben modulabile anche nelle partenze in salita e non è dura da azionare. Il motore spinge bene ed è sempre pronto, grazie all'iniezione diretta e con una spinta abbastanza vigorosa per un 4 tempi; spinge bene dai 3900 g/min circa fino ai 6000 (quando perde grinta). La manopola dell'acceleratore ha poca corsa. Le sospensioni sono di bassa qualità, perché hanno un'escursione piuttosto lunga e hanno un comportamento "molloso" (la forcella affonda parecchio in frenata). I freni, nonostante abbiano dischi forati (di cui uno a "margherita") sono davvero deludenti: gli spazi d'arresto sono lunghi e sono poco modulabili (frena meglio il mio cinquantino per intenderci). Di sicuro non è una moto per viaggiare, ma se ci si vuole divertire è "approvata".
Alla guida
Tiene abbastanza bene la strada, anche se a causa delle ruote piccole è "nervosa". Si riescono a raccordare anche curve con un raggio alquanto ridotto, visto il ridotto interasse che la rende agile.
La comprerei o ricomprerei?
Disponendo di un buon portafoglio per pagarene l'assicurazione, sì. (Di per sé non costa molto) Sicuramente è stata un'esperienza molto buona.
PROVE LETTORI CORRELATE
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
LE PROVE DEI LETTORI PIU' LETTE