PROVATA DA VOI

Ducati Monster 696 + 2010

Provata da:
Valutazione: 
4
Average: 4 (1 vote)
 Ducati Monster 696 + 2010
  • Comfort: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Posizione di guida: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Tenuta di strada: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Finiture: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Consumo: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Freni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Vano sottosella: 
    1
    Average: 1 (1 vote)
  • Sospensioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
Perché l'ho comprata o provata:
Design,meccanica eccellente,altezza sella da terra, dimensioni e peso contenuti. In oltre si trattava di un'occasione a Km 0.
Com'è
Nella categoria delle naked è secondo me una delle più belle. Il bicilindrico dà delle sensazioni uniche e richiede un pochino di esperienza per via dell'erogazione, anche se tutto sommato nel complesso è facile da guidare. La media altezza da terra della sella e il peso ridotto fanno sì che questa moto risulti maneggevole anche per i meno alti e forzuti. Abbastanza maneggevole anche in città grazie all'aumento del raggio di sterzata rispetto alla 695 e all'utilizzo della gomma posteriore di 160/17 che, a mio avviso, nulla toglie alla guida sportiva (si può montare anche la 180/17 ma solo sostituendo il cerchio con uno di sezione maggiore al costo di 1000 euro). Le gomme fornite dalla casa sono buone e affidabili in ogni situazione, ovviamente senza strafare, e l'ammortizzatore posteriore è regolabile sia in estensione/compressione tramite una valvola a vite, e nel precarico molla. Strumentazione bella e adeguata tutta digitale con un display ben impostato ricco di informazioni. La posizione di guida caricata in avanti consente di assaporare al meglio le sue ottime doti di tenuta di strada e ciclistica nei cambi di direzione a discapito però del comfort. Quest'ultimo si sa non è una qualità di spicco nelle naked ma in particolare di questa moto: dopo un'ora di guida infatti mani, polsi e spalle si affaticano parecchio. Lo spazio per il passeggero, il quale deve aggrapparsi alla meglio al serbatoio per l'assenza di appigli, consente solo brevi tragitti occasionali. Il vano sotto sella è inesistente e l'utilizzo quotidiano cittadino (lavoro, commissioni ecc) ovviamente non è il suo forte. I Consumi si aggirano intorno a un valore medio complessivo di 18/20 Km/l. Sui tracciati di montagna la moto esprime il meglio di sé ma avvicinandosi al limitatore i consumi aumentano fino anche a 8/10 Km/l. Per chi percorre spesso autostrade è consigliabile installare un cupolino after-market (io ho un Barracuda fumè, facile da installare e rimuovere velocemente). Così facendo si sta un pochino più riparati consentendo di affrontare anche tragitti medi. Nel complesso è un'ottima moto.
Alla guida
Che dire...alla guida è un missile. Io trovo che gli 80 cv del piccolo 696 siano più che sufficienti. Spinge bene fin dai 2.500 ai 10.500 giri con una coppia esagerata dai 5.500. L'inimitabile sound Ducati è fantastico e gli scoppietii in rilascio sono la ciliegina sulla torta. Maneggevole, fulminea nei cambi di direzione e stabile in accelerazione.I freni sono ottimi. Va giù in piega che è un piacere, anche con la gomma 160/17. Se si viaggia però su regimi bassi nelle curve lente tende a "strappare", per esempio quando si riapre a metà curva, anche con precisione chirurgica sulla manopola del gas, si ha un brusco strattone. I motociclisti più esperti controllano questo effetto pizzicando la frizione o tenendo a bada la ruota posteriore sfiorando il freno. Le altissime velocità non fanno per lei.
La comprerei o ricomprerei?
Si. La ricomprerei senza ombra di dubbio.
PROVE LETTORI CORRELATE
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
LE PROVE DEI LETTORI PIU' LETTE