PROVATA DA VOI

Aprilia RSV Mille 1999-2009

Provata da:
Valutazione: 
3.9
Aprilia RSV
  • Comfort: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Posizione di guida: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Tenuta di strada: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Finiture: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Consumo: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Freni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Vano sottosella: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Sospensioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
Perché l'ho comprata o provata:
L'avevo acquistata perchè volevo una moto da usare sia in strada sia in pista.
Com'è
Nonostante gli anni è ancora molto bella. Certo, le sportive moderne sono tutta un'altra cosa, piccole e con carene attillate, l'RSV Mille (scritto proprio in lettere) invece da subito sembra più grossa, con l'aggressivo e voluminoso terminale di scarico, una carena ed un cupolino protettivi più di quanto sembri, una sella larga e spaziosa e anche la porzione riservata al passeggero non è striminzita (peccato si debba rinunciare al bellissimo codino monoposto). In sella la sensazione è quella di guidare una vera moto italiana, con tutti i pregi e difetti di queste ultime. Scomoda, il serbatoio lungo fa raggiungere a fatica i lontani semimanubri stretti e spioventi; solo le pedane sono ben posizionate anche per chi, come me supera i 185cm. La visuale dagli specchietti non è granchè e le vibrazioni creano formicolii alle mani dopo solo un centinaio di chilometri. A completare il quadro negativo anche l'elevato sforzo di azionamento di frizione e cambio. Anche la strumentazione, priva di contamarce e indicatore del carburante, si legge male in pieno sole e per utilizzare il "computer di bordo" bisogna premere 5 pulsanti, scomodo. Un tocco che sa di "vecchio", il manettino per l'aria sul blocchetto di sinistra. Tutto questo, unito ad accoppiamenti di plastiche rivedibili e materiali (come gli adesivi) non di qualità eccelsa, almeno in apparenza, la fanno sembrare poco curata e rifinita.
Alla guida
Una volta fatta l'abitudine con il minimo irregolare e l'aria "da tirare" ad ogni accensione da fredda, si pensa solo a quanto sia efficace fra le curve l'RSV. Nonostante sembri larga e poco agile, un comparto sospensivo di primo livello (con forcelle e ammortizzatore completamente regolabili) e un telaio da riferimento, le permettono fulminei inserimenti in piega e un'eccezionale stabilità anche nei curvoni presi a tutto gas. il motore bicilindrico a V di 60° è scorbutico, scalda e vibra ma è una vera goduria farlo salire di giri e sentirlo urlare, snocciolando tutti i rapporti del veloce cambio. La potenza non è tanta in assoluto ma grazie all'abbondante coppia non lascia mai l'amaro in bocca e permette di dar del filo da torcere alle sportive moderne (soprattutto in tracciati misti). Per avere le migliori risposte dal propulsore bisogna però spremerlo a fondo, con un riscontro negativo sui consumi, sempre elevati. L'impianto frenante Brembo ferma con facilità la moto e non si sente la necessità dell'upgrade effettuato da Aprilia sulla versione "R" con l'adozione delle pinze radiali; al posteriore tende a bloccare. La protettività è buona anche a velocità autostradali ma la posizione di guida scomoda sconsigliano l'uso turistico; stesso discorso per i tragitticittadini, dove si fanno i conti anche con il ridotto raggio di sterzo e il calore trasmesso dal motore.
La comprerei o ricomprerei?
Non la ricomprerei. O meglio la ricomprerei per utilizzarla solamente in pista. In strada si soffre davvero tanto.
PROVE LETTORI CORRELATE
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
LE PROVE DEI LETTORI PIU' LETTE