MotoGP 2024 - Ora è ufficiale: Luca Marini passa in Honda

MotoGP news - Dopo l'ultimo Gran Premio di Valencia è arrivato l'annuncio tanto atteso: Luca Marini nel 2024 passerà in Honda. Dopo sei stagioni con VR46 lo attende un team ufficiale in cerca di rivincite

MotoGP 2024 - Ora è ufficiale: Luca Marini passa in Honda

I numeri di Marini
Come da tradizione domani sul circuito da Valencia andrà in scena la prima giornata di test del 2024, la prima occasione per vedere in pista team e moto in versione 2024. Proprio alla vigilia è arrivato l'annuncio dell'ingaggio di Luca Marini da parte di HRC. Il pesarese ha passato le sue ultime sei stagioni nel team VR46 del fratello Valentino Rossi, e già da tempo si parlava di questo suo possibile passaggio, e nello scorso fine settimana aveva già salutato il suo team e ora è arrivata la conferma di questa importante sfida.
Marini ha firmato un contratto biennale con la Casa giapponese e prenderà il posto lasciato libero da Marc Marquez che la prossima stagione sarà con il team Gresini alla guida di una Ducati Desmosedici GP.
Luca ha debuttato nella classe regina nel 2021, dopo aver ottenuto sei vittorie e 15 podi nel Campionato del mondo Moto2, finendo secondo nel 2020. Finora in MotoGP ha conquistato due podi nei Gran Premi, due pole position e quattro podi nelle Sprint. 

Marini e Mir, la nuova coppia HRC
Sui profili social Marini ha rilanciato la notizia condividendo una foto (qui sotto) che lo ritrae da piccolo ai tempi delle minimoto con una tuta Repsol Honda e ha scritto: "Adesso è ufficiale. Il sogno diventa realtà. Darò tutto". Più volte infatti Marini aveva raccontato che uno dei suoi desideri era quello di entrare in un team ufficiale (anche nella recente intervista che ci ha concesso) e dal prossimo anno finalmente, lo farà. In questo nuovo capitolo della sua carriera affiancherà Joan Mir, mentre la Casa giapponese è pronta ad accoglierlo come fece vent'anni fa con il fratello Valentino. Oggi Honda non sta vivendo un momento felice, ma l'obiettivo con il pesarese è quello di sviluppare la RC213V per tornare a stare sul tetto del mondo.

 

 



NEWS MOTOGP