MotoGP 2020, Ciabatti: “Con Dovizioso non c'erano le condizioni per continuare"”

MotoGP news – Il direttore sportivo di Ducati, Paolo Ciabatti, ha commentato la separazione da Andrea Dovizioso, ha parlato dei nuovi piloti e ha risposto alle ultime critiche di Casey Stoner

MotoGP 2020, Ciabatti: “Con Dovizioso non c'erano le condizioni per continuare"”
Ciabatti a 360°
Nel 2020 Ducati non è riuscita a lottare fino in fondo per il titolo piloti, ma ha conquistato il titolo costruttori dopo 13 anni di digiuno. Il direttore sportivo Paolo Ciabatti ha ripercorso questa stagione: “Quest'anno la moto è stata competitiva su quasi tutti i circuiti, abbiamo ottenuto due vittorie e diversi podi sia con la squadra ufficiale che con le squadre private e l'unico problema è stato che lo stesso pilota non era sempre davanti. Sicuramente abbiamo sofferto più di altri costruttori per ottenere il massimo dalla nuova gomma posteriore Michelin, ma è anche vero che abbiamo vinto il titolo costruttori e questo dimostra che la moto è stata competitiva”.
La stagione è stata senza dubbio difficile: “È stata strana, abbiamo corso due volte sugli stessi cinque circuiti, spesso con condizioni meteo diverse, ma l'abbiamo conclusa con un risultato che Ducati non era riuscita a conquistare da 13 anni e nessuno ce lo può togliere. Questo titolo è merito di tutti i piloti che ci hanno aiutato a fare punti. Tutti loro hanno dato tutto e sono stati una parte importante di questo risultato”.

Il prossimo futuro
Nel 2021 il team ufficiale avrà due nuovi piloti, con Pecco Bagnaia e Jack Miller, ma gli obiettivi saranno sempre gli stessi: “Seguiremo una linea ambiziosa. Abbiamo due nuovi piloti ma li conosciamo molto bene nella squadra ufficiale e arriveranno con tanta energia e tanta voglia. Inoltre, hanno dimostrato di poter lottare per cose importanti e daremo loro tutto il supporto per vincere le gare ed essere competitivi sin dal primo giorno.
Jack ha avuto un finale di stagione fantastico, con due podi a Valencia e Portimao, e oltre ad avere esperienza con la Desmosedici GP, è giovane e ha coraggio e ambizione. Bagnaia è un Campione del Mondo, ha una mentalità vincente e quest'anno ha fatto un grande passo avanti. Non ha avuto molta fortuna con infortuni e cadute, ma la sua fiducia con la moto è migliorata e si è guadagnato questa opportunità per continuare a crescere. L'obiettivo principale di entrambi è essere competitivi sin dal primo giorno indipendentemente dal circuito”.

Nell’orbita Ducati arrivano anche Jorge Martin, Enea Bastianini e Luca Marini, dando vita ad un vero cambio generazionale: “Pensiamo che ci abbiano tutti tanto talento e abbiamo voluto scommettere su di loro o almeno dare un'opportunità a chi pensiamo possa essere importante per Ducati nel presente ma anche nel futuro”.

Il "Dovi"
Nel 2020 c’è stata la separazione da Andrea Dovizioso: “Abbiamo ottenuto grandi cose in quelle otto stagioni insieme, in particolare i tre secondi posti nel 2017, 2018 e 2019 e alcune vittorie indimenticabili. La moto si è evoluta ed è cresciuta molto insieme ad Andrea, insieme abbiamo fatto un lavoro fantastico. Ma come tutte le storie c’è un inizio e una fine.
Era importante attendere alcune gare per valutare insieme se valesse la pena continuare con questo matrimonio e alla fine siamo giunti alla conclusione che non c'erano le condizioni per continuare. Come ogni addio non è facile, ma è meglio ricordare i bei tempi vissuti per tanti anni: Andrea è il pilota che è stato con noi più a lungo, ha ottenuto 14 vittorie e gli auguriamo il meglio per il futuro
”.

Le trattative con il maiorchino
Sull’opzione Jorge Lorenzo ha detto: “Il nostro compito è analizzare la situazione prima che i contratti vengano risolti e valutare quali piloti possono inserirsi nella nostra struttura. Avevamo tante opzioni sul tavolo e alla fine abbiamo deciso di puntare su piloti giovani, con esperienza in MotoGP sia per la nostra squadra ufficiale che per i nostri team satellite”.

Risponde all'australiano
Inoltre Ciabatti ha risposto a Casey Stoner, che aveca sostenuto che Ducati non sa prendersi cura dei suoi piloti: “Rispettiamo molto Casey Stoner, abbiamo un ottimo rapporto con lui, ed è ovvio che cosa significa la sua figura per Ducati e per i suoi tifosi. Detto questo, la Ducati ha una lunga storia nel mondo del motociclismo e credo che abbiamo sempre trattato tutti i piloti con rispetto, abbiamo dato loro tutto il materiale necessario, sia a livello tecnico che umano, per cercare di raggiungere insieme gli obiettivi. A volte i piloti e le fabbriche non vedono le cose allo stesso modo o finiscono semplicemente un rapporto contrattuale e molte volte le separazioni sono un po' traumatiche. Sicuramente le cose si possono sempre fare meglio, è importante fare anche autocritica, ma dall'esterno tante volte non si hanno tutte le informazioni per fare in base a quali valutazioni”.

Come tornerà Marquez?
E infine sul ritorno in pista di Marc Marquez ha detto: “Non so se sarà lo stesso di prima. Conoscendolo sta sicuramente lavorando duramente per tornare a correre nel suo stile. Bisogna avere pazienza e desiderare che si recuperi bene dopo le diverse operazioni. Speriamo di tornare a vederlo in pista il prima possibile, perché è un pilota eccezionale ed è un peccato non vederlo in pista”.
 

 



PROSSIMO GP

Red Bull Ring 2021
ORARI
Venerdì 06 Agosto
FP110:55 - 11:40
FP215:10 - 15:55
Sabato 07 Agosto
FP310:55 - 11:40
Qualifiche15:10 - 15:50
Domenica 08 Agosto
Gara15:00

NEWS MOTOGP

  • MotoGP news - Mentre Franco Morbidelli è impegnato nel recupero dopo l’intervento chirurgico al ginocchio sinistro, il team Petronas ha annunciato che nei prossimi tre Gran Premi il "Morbido" sarà sostituito dal collaudatore Yamaha Cal Crutchlow. L’inglese correrà così nei due GP in Austria e a Silverstone
  • MotoGP news – Nel secondo video diffuso da Dainese Franco Morbidelli racconta il suo passato nelle minimoto, fino ad arrivare ai giorni di oggi. L’italo-brasiliano ha parlato di cosa rappresentano i cambiamenti per lui e delle differenze che ci sono tra l'essere pilota in tenera età e esserlo in età adulta
  • Valentino Rossi news - Nel bel mezzo della pausa estiva si è svolto l'evento "Riders meet rally 2" e tra coloro che si sono messi alla guida della Hyundai i20 R5 c'era anche Alessio "Uccio" Salucci. Il quale ha parlato dei prossimi progetti dell'amico Valentino Rossi, del team VR46 in MotoGP e delle soddisfazioni che danno i piloti della VR46 Riders Academy