Twin Ring Motegi

Tracciato della gara di MotoGP, campionato 2018

Il circuito in sintesi

Nome Twin Ring Motegi
Sede  Motegi - Giappone
Edizioni disputate 17
Giri gara 24
Lunghezza circuito 4,800 km
Numero curve 14
Lunghezza gara 115,2 km
Giro record 1' 45" 350
Velocità massima 314,3 km/h
Detentore record Jorge Lorenzo (2014)

 

Il Twin Ring di Motegi è di proprietà di Honda, nato nel 1997 come pista per i test privati della casa giapponese, si trova in una zona montuosa a 160 km da Tokyo e ospita dal 1999 il GP del Giappone. Il circuito, abbastanza tortuoso, si sviluppa su 4800 m, conta 14 curve, per lo più lente e un rettilineo lungo poco meno di 800 metri e altri più brevi di raccordo. Si tratta di un tracciato impegnativo che mette sotto stress i freni: i dischi hanno poco tempo per raffreddarsi tra una staccata e un'altra. L’impianto è moderno: possiede anche un tracciato ovale di 2,5 km, per le competizioni automobilistiche “all’americana” e ospita al suo interno il Museo Honda, dove si possono ammirare le moto e le auto da competizione che hanno fatto la storia della casa.



 

PROSSIMO GP

Twin Ring Motegi 2018
ORARI
Venerdì 19 Ottobre
FP102:55 - 03:40
FP207:05 - 07:50
Sabato 20 Ottobre
FP302:55 - 03:40
FP406:30 - 07:00
Qualifiche07:10 - 07:50
Domenica 21 Ottobre
Gara07:00

NEWS MOTOGP

  • MotoGP news – Dal prossimo anno il Motomondiale avrà una nuova classe dedicata alle moto elettriche: la MotoE. Un campionato che non pare sia apprezzato molto dagli appassionati, tra questi anche Valentino Rossi che si è detto scettico e ha sottolineato: “Preferisco il suono di un motore due tempi, è qualcosa di speciale”
  • MotoGP news – Marc Marquez potrebbe vincere il quinto titolo iridato in MotoGP già questo fine settimana. Ha infatti 77 punti di vantaggio su Andrea Dovizioso e 99 su Valentino Rossi, ecco tutte le combinazioni che gli permetterebbero di centrare l'iride con tre gare d’anticipo
  • MotoGP news – Sul circuito di Motegi Marc Marquez ha la prima possibilità di vincere il titolo. L'avversario più duro per lo spagnolo sarà Andrea Dovizioso, vincitore nel 2017, mentre bisognerà capire se le Yamaha, dopo la buona prestazione in Tailandia, hanno ritrovato davvero la competitività