Team Suzuki ECSTAR

La descrizione della scuderia, i piloti, le caratteristiche tecniche

Il team in sintesi

Sede Hamamatsu
Nazione Giappone
Presidente Hiroshi Tsuda
Team manager Davide Brivio
Responsabile tecnico Ken Kawauchi
Moto GSX-RR 2016
Presenze 1
Vittorie 1
Titoli iridati -
Contatti  

Suzuki ha debuttato nel Motomondiale nel 1960 partecipando al Tourist Trophy (allora una delle gare più importanti della stagione) nella classe 125, da quell'anno è stata poi sempre presente in griglia di partenza nelle varie categorie (50, 125 e 250) fino al 1967 quando decide di ritirarsi, anche se alcuni piloti decidono di continuare gestendo le moto in forma privata. Dal 1974 la casa di Hamamatsu però torna nella top class, all'epoca 500, e da lì in poi ottiene diversi titoli iridati: due volte con Barry Sheene (1976, 1977), e poi con Marco Lucchinelli (1981), Franco Uncini (1982), Kevin Schwantz (1993) e Kenny Roberts Junior (2000). Nell'era della MotoGP Suzuki sono affidate a John Hopkins e Kenny Roberts Junior, l'unico pilota a conquistare due podi (un terzo posto nel 2002 e un secondo posto nel 2005), mentre l'annata migliore è il 2007 con Hopkins e Chris Vermeulen, che regala una vittoria nel Gran Premio di Francia e porta il team al terzo posto nella classifica squadre. La Suzuki sarà poi presente in pista fino al 2011 senza ottenere grandi risultati. Rientra nel 2015 con il team guidato da Davide Brivio: la moto è la GSX-RR e due piloti sono gli spagnoli Aleix Espargaro e Maverick Vinales.

Piloti
Team Suzuki ECSTAR

NEWS MOTOGP

  • Domani sabato 27 febbraio alle ore 10.00 ci sarà il funerale di Fausto Gresini, nella sua cittadina di nascita, Imola. Ad annunciarlo è stato il team Gresini Racing che trasmetterà la funzione in diretta Facebook così che tifosi e amici possano seguirla e dargli l’ultimo saluto
  • Nel 2021 Valentino Rossi e Franco Morbidelli correranno sotto gli stessi colori: il nove volte campione del mondo è in cerca di riscatto per quella che potrebbe essere la sua ultima stagione, il suo allievo punterà al titolo iridato
  • La ricerca di un'azienda farmaceutica ha coinvolto il team LCR di Lucio Cecchinello: dai dati raccolti si evince che i professionisti della velocità rimangono con gli occhi spalancati anche per 180 secondi. Nello stesso intervallo di tempo una persona "normale" sbatte le palpebre 60 volte