NOVITA' MOTOCICLISMO

Scooter 400: comodi per viaggiare, agili in città, pratici sempre

Gli scooter di media cilindrata sono la scelta giusta per chi ama viaggiare, ma anche per chi usa lo scooter solo in città e vuole il massimo comfort. Potenti, comodi e ben equipaggiati digeriscono anche i lunghi trasferimenti in autostrada senza affaticare pilota e passeggero. In città, nonostante le dimensioni abbondanti si dimostrano pratici in tutte le occasioni. Abbiamo messo a confronto quattro degni rappresentanti della categoria: Honda SW-T 400, Suzuki Burgman 400, Yamaha Majesty e il nuovo Piaggio X10

Scooter 400: comodi per viaggiare, agili in città, pratici sempre

Honda SW-T 400

Il pregio maggiore è la facilità di guida: l’SW-T se la cava bene su qualsiasi percorso, dal misto stretto alle statali veloci. Il motore è prontissimo, basta sfiorare l’acceleratore per levarsi d’impiccio. Il peso una volta in movimento non si sente più, le sospensioni lavorano bene e i freni sono efficaci: la potenza è ben distribuita tra i dischi e comunque l’impianto ABS è tarato correttamente. Se viaggiate spesso a pieno carico, fate un pensiero al bauletto “basculante” (300 euro nel catalogo Honda) che segue la piega dello scooter in curva.
Va bene per affrontare viaggi più o meno lunghi e impegnativi. Il motore spinge forte, con un notevole spunto anche in velocità nei sorpassi, la protezione del busto offerta dal parabrezza è ottima, comoda la sistemazione di pilota e passeggero. Le sospensioni sono ben tarate, ma attenti a non esagerare sui curvoni veloci. I consumi sono contenuti, almeno finché si viaggia a velocità “legali”. Viste le dimensioni, in città ci si aspetterebbe un mezzo ingombrante e poco maneggevole: ma una volta sceso dal cavalletto, l’SW-T si mostra agile e facile da usare. Parte con un filo di gas ed è ben bilanciato, riuscendo a districarsi bene nel traffico. Le sospensioni filtrano ogni asperità, lo scudo e il parabrezza proteggono bene dalla pioggia e i freni sono decisi anche in caso di ostacolo improvviso. Ottima la capacità di carico: il vano sottosella è capiente e sono ben realizzati i piccoli vani nel retroscudo.



Suzuki Burgman 400 ABS

La posizione di guida con le gambe distese in avanti invita a viaggiare in relax, ma il Burgman in realtà ha una ciclistica a punto, sicura e reattiva a tutte le velocità. Le dimensioni abbondanti non devono trarre in inganno: una volta in movimento diventa facile da guidare ed estremamente agile, rendendo la guida divertente a tutte le andature. Le sospensioni morbide quanto basta filtrano bene le strade più rovinate mentre i freni con ABS garantiscono sicurezza in tutte le condizioni. Sempre contenuti i consumi.
Il Burgman sembra nato per macinare chilometri in autostrada: è spazioso, protegge bene dall’aria e ha un serbatoio capiente con una riserva “da automobile” (4 litri). Bilanciato e sicuro, non ondeggia sui curvoni affrontati a 130 km/h e non “sente” neanche le scie dei camion. Le sospensioni assicurano traiettorie precise e i freni garantiscono un arresto immediato. Comodo anche il sottosella da 62 litri, ci stanno anche i bagagli di un weekend al mare.
Questo Suzuki 400 si comporta bene anche in città. Il peso si sente solo in manovra: appena ci si muove si apprezza la sua grande precisione di guida, anche con un filo di gas. Il baricentro basso aiuta a scendere in piega velocemente e cambiare direzione diventa un gioco da ragazzi. Rispetto ad altri scooter più “cittadini”, al Burgman 400 manca un po’ di scatto in partenza, ma poi la progressione è ottima. La sella bassa permette a tutti di appoggiare bene i piedi nelle soste al semaforo.


  

Piaggio X10 350 Executive

Su strada si apprezzano subito le prestazioni elevate del nuovo motore 350 (inaugurato dal Beverly ST) che scatta e riprende sempre con notevole vigore. Tra le due mappature disponibili a dire il vero c’è poca differenza: si nota solo una risposta un po’ più dolce ai bassi regimi con la mappatura Eco (che riduce i consumi). A punto le sospensioni che assorbono senza problemi le buche e non fanno soffrire sui pavé. In velocità l’X10 è stabile e ben piantato, da fermo e nelle manovre a passo d’uomo invece il peso si sente; fortunatamente il manubrio largo aiuta parecchio e lo sterzo è buono. Soddisfacente la protezione dello scudo (dotato di deflettori) e del parabrezza. Ottima la frenata: l’X10 è l’unico scooter ad abbinare frenata integrale e ABS: l’impianto (con tre dischi, quelli davanti da ben 280 mm) è potente e sempre ben dosabile. Grazie anche alla presenza del controllo di trazione si può davvero guidare (quasi) senza pensieri in ogni condizione



Yamaha Majesty 400

Il peso in marcia non si sente, è spazioso e confortevole anche in due, facile da guidare anche per i meno esperti. L’inserimento in curva è sempre preciso e le traiettorie sono “pennellate”, le sospensioni piuttosto rigide non affondano neanche nelle manovre più brusche. Eccellenti i freni: anche in caso di “panic stop” l’ABS permette di fermarsi in pochi metri e in tutta sicurezza. Lo scudo e il parabrezza proteggono bene, i consumi sono contenuti. Il nuovo disegno del frontale e le prese d’aria sotto il parabrezza hanno ridotto al minimo le turbolenze alle alte velocità. Il parabrezza è di dimensioni generose e devia l’aria sopra il casco. La seduta è comoda e lo spazio per le gambe, distese sulle pedane, permette di cambiare posizione riducendo la fatica. Il motore sale vigoroso fino alla massima velocità, dove si accusano però fastidiose vibrazioni sul manubrio, specie se in scia di camion o con forte vento. I consumi sono buoni, un po’ alti solo  a tutto gas.
In città le uniche difficoltà si avvertono in manovra, dove le dimensioni e soprattutto il peso si fanno sentire. In movimento invece il Majesty è agile e sguscia con discreta facilità nel traffico. Buono lo spunto, vigoroso ai bassi, che garantisce scatti decisi al semaforo e rapidi sorpassi a bassa velocità. Con il brutto tempo si apprezzano il parabrezza e lo scudo che proteggono bene il corpo, lasciando scoperte solo le mani. 

 



COMMENTI
Ritratto di kazutosakata
14 Maggio 2012 ore 17:30
ma a continuano a sembrare quattro vasche da bagno con le ruote. Anzi le rotelle. Salvo solo l'X10 che almeno ha dell'elettronica che lo rende un filo più sicuro.
Ritratto di Massimiliano23
28 Maggio 2012 ore 17:13
Sono tutti dei mezzi eccellenti per un uso a 360 gradi e come sostituti dell'automobile,da usare con qualsiasi condizione meteo con un eccellente livello di confort,ma anche con la consapevolezza di arrivare in ufficio in condizioni decenti (e in orario!!). Questo in risposta al precedente commento,il cui utente probabilmente non ha necessità di raggiungere il lavoro con un mezzo a due ruote e probabilmente non vive in una grande città.
Ritratto di diego_250
diego_250 Kawasaki Z750 E3 2007
30 Maggio 2012 ore 15:38
...l'ho comprato nuovo nel 2006 (le prime versioni con il doppio disco anteriore) e non posso che parlarne bene. MAI avuto un problema elettrico/meccanico, consumi più che buoni, comodità incredibile. Lo utilizzo tutti i giorni per andare al lavoro, ed il fine settimana per andare al mare è perfetto! Unico neo: si sente la mancanza dell'ABS, il prossimo scooter sarà sicuramente l'SW-T400 con l'ABS! W LE VASCHE DA BAGNO! :-D
Ritratto di orsogrigio
04 Giugno 2012 ore 20:13
possessore di burgman 400 43000km in 3 anni mai una noia in citta sono unici e diciamolo anche per qualche viaggetto! sono andato in austria senza problemi. vorrei anche che qualche biker la finisse di denigrare gli scooters...io mi definisco motociclista in tutti i sensi! sono anche il felice possesore di una kawasaki voyager 1700 eun vn900..quindi max rispetto a chi viaggia su 2 ruote !!ciao lamps
Ritratto di Marco400
Marco400 Honda CBR 125/250 R CBR 250 R 2011
04 Giugno 2012 ore 23:22
Concordo in pieno su tutto...io ci vado in città, ci ho fatto dei viaggi in autostrada (Como-Roma) e anche i passi delle alpi svizzere (Gottardo, San Bernardino, Maloja, Splugen, Bernina, Furkapass ecc...) senza problemi, anche in 2...Ciao buon giro a tutti...
Ritratto di suzukistanonpersvista
21 Novembre 2012 ore 22:53
forse finiranno per soppiantare la seconda auto in molte case... io francamente quando i figlio vorranno la macchina... e avendone giù due.... gli mollerò la mia e me ne farò uno da guidare fin dopo la pensione.... ora me ne vado in vespa GTS 250... ed è un gran andare....
Ritratto di franco-4x4
08 Luglio 2013 ore 22:48
siccome vorrei cambiare il mio scutter hamaha versity 300 con un 400 cosa mi consigliate di queste marche honda, hamaha,suzuchi,e piaggio.grazie un cordiale saluto da franco-4x4
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    06 Marzo 2021
    MotoGP news – Sono iniziati i test a Losail, la giornata si è conclusa con l’Aprilia RS-GP di Aleix Espargaro davanti a tutti. Seguono poi la Honda di Stefan Bradl e la Suzuki di Joan Mir. Ducati ha ottenuto il quarto miglior tempo con Jack Miller, mentre Valentino Rossi ha chiuso quattordicesimo
  • News
    06 Marzo 2021
    Yamaha ha in queste ore annunciato la partnership con Moto Raid Experience aprendo al contempo le porte del mondo Adventouring alla nuova Ténéré 700. I piloti che parteciperanno all’Alps Tourist Trophy con la enduro di Iwata correranno infatti nella speciale classifica Ténéré Adventouring 
  • Industria e finanza
    06 Marzo 2021
    Nonostante le ovvie difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, il Gruppo Piaggio ha chiuso il 2020 con numeri che fanno ben sperare. Il secondo semestre è stato in particolare testimone di una netta ripresa con un +1,3% di ricavi e un +82,3% per l'utile netto