PRIMI CONTATTI

Yamaha Tmax DX 2017

Yamaha Tmax DX, è ancora il re dei maxiscooter
Il nuovo Tmax DX è più leggero e maneggevole dei precedenti, più ricco nelle dotazioni, più lussuoso nelle finiture... e costa ancora di più
€ 13.390
Yamaha Tmax DX, è ancora il re dei maxiscooter
Come è fatto
Arriva dai concessionari il nuovo Tmax, presentato a EICMA nello scorso novembre. Si tratta della sesta generazione del maxiscooter Yamaha, venduto in ben 250.000 esemplari dal 2001 a oggi. Stavolta però, non si tratta di un solo modello bensì di una gamma con tre versioni più o meno accessoriate e costose: la  standard “base”, la sportiva SX e la ricca DX, la più attesa (e costosa) oggetto del nostro test. 
Il motore è ovviamente Euro 4, con una nuova marmitta più compatta e una serie di sistemi elettronici degna di una granturismo di lusso: due mappature motore (T-mode per la città e S-mode per l’uso su strada), acceleratore elettronico, controllo di trazione, “smart key” per l’avviamento senza chiave (con blocco centralizzato di vani e cavalletto), cruise control e ovviamente l’ABS (obbligatorio con l’omologazione Euro 4).  A tutto questo si aggiungono anche la sella e le manopole riscaldate, nonché il parabrezza regolabile elettricamente in altezza di ben 135 mm. Tutto nuovo il telaio in alluminio e il forcellone più lungo di 40 mm per offrire sensazioni di guida “da moto”. Da notare che malgrado tutte le novità, il peso è sceso di ben 10 kg rispetto al modello 2016.  Rivista anche l’estetica: belli il frontale in stile R1 e la zona cruscotto/pedana dall’aspetto davvero lussuoso.

Come va
La posizione di guida è naturale, con la seduta ampia e ben sagomata; solo le pedane sono un po’ piccole per chi ha i piedi lughi. Le prestazioni del motore Euro 4 sono praticamente analoghe al precedente: il guadagno in leggerezza compensa ampiamente l’effetto “soffocante” dell’Euro 4. La potenza assoluta non è esagerata, ma basta e avanza per cavarsela bene in qualsiasi situazione. Ciò che impressiona è invece l’equilibrio ormai perfetto tra motore e ciclistica, grazie al quale il Tmax mette a proprio agio sia i piloti esperti, sia i neofiti. Quanto ai i freni, l’anteriore è ben a punto; il posteriore invece va usato con maggiore attenzione perché la sua potenza costringe l’ABS a entrare in azione quando si tira con un po’ di forza la leva. Le sospensioni hanno una taratura corretta all’avantreno, più rigida al retrotreno (sullo sconnesso si salta un po’) ma garantiscono tanta stabilità a tutte le andature. 

Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilindrico 4 tempi
Cilindrata (cm3) 530
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio automatico
Potenza CV (kW)/giri 45,9(33,8)/6750
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 80
Interasse (cm) 157,5
Lunghezza (cm) 220
Peso (kg) 213
Pneumatico anteriore 120/70 - 152
Pneumatico posteriore 160/60 - 15"
Capacità serbatoio (litri) 15
Riserva litri nd

Yamaha Tmax

  • Prezzoda € 13.390
  • Peso213 Kg
  • Serbatoio15,0 l
  • Altezza sella80 cm
  • Lunghezza220 cm
COMMENTI
Ritratto di 0586
15 Gennaio 2014 ore 09:40
ottima guida e motore superiore rispetto all'SH 300 che avevo in precedenza,decisamente ottime anche le rifiniture.Unica pecca che ho avuto dopo un anno e mezzo è il deciso scolorimento del cruscotto e retroscudo dove c'è il vano portaoggetti grande che da amaranto è diventato marrone chiaro.In piaggio hanno provveduto ad effettuare l'intera sostituzione dei componenti in garanzia e si sono limitati a dire di lavare il mezzo con sola acqua senza utilizzo di sapone/solventi.Credo che con utilizzo di componenti migliori forse il problema non sarebbe sorto,visto che il 350 passa abbondantemente i 5000 euro e costa molto più della concorrenza straniera.Tuttosommato ottimo mezzo della casa italiana
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
 
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI