NOVITA' MOTOCICLISMO

Special: Vence Prodigal Bikes Lady O

Il customizer brianzolo Vence Prodigal Bikes ha realizzato una scrambler dalle linee originali partendo da una incompresa Suzuki Freewind 650. Il risultato è una bella scrambler vintage, realizzata lasciando originali telaio, ruote e motore

Special: Vence Prodigal Bikes Lady O
la Freewind che non ti aspetti
Vence Prodigal Bikes è una factory emergente del mondo del customizing italiano, fondata da Flavio Cortiana che ha scelto di dedicarsi ai "brutti anatroccoli", cioè reinterpretare quelle moto che non hanno avuto successo, trasformandole in "cigni" grazie a un attento lavoro di "reinterpretazione". Il primo suo esperimento è la Lady O, la base è una Suzuki Freewind XF 650 del 2002 una tuttofare su base DR 650 con un'estetica "discutibile". Con la cura di Vence, la enduro on-off si è trasformata in una aggressiva scrambler vintage. Il motore e il telaio sono rimasti gli stessi, soltanto revisionati e riverniciati, mentre la ciclistica ha forcella ribassata di 15 mm e un nuovo mono posteriore Wilbers. Cerchi e pneumatici sono originali, così come il forcellone, ma le parti di serie finiscono qui: freni, comandi, leve, pompe e trasmissione sono stati sostituiti e lo scarico ha un collettore inox scomponibile con terminale inox omologato della Virex. Metal Bike ha pensato alla creazione di serbatoio, fianchetti, coda, frontalino e carterino accensione in alluminio, i parafanghi sono aftermarket dello stesso materiale. Piastre, supporti, carter e altri dettagli sono in acciaio inox sagomato a mano. Manubrio flat track, tachimetro piccolo, faro Beates e selle rivestite da Conti Tappezzeria concludono il pacchetto. il codino può facilmente essere rimpiazzato con una sella lunga tramite l'intervento su 4 viti. Bravo Flavio, originale sotto tutti i punti di vista!
NOTIZIE CORRELATE
  • Fuoriserie
    21 Luglio 2017
    L’officina di preparatori texana, solitamente abituata a lavorare sulle quattro ruote, ha messo le mani su una Honda CB750 del 1978 di proprietà di un agente immobiliare che aveva bisogno di una moto da usare ogni giorno in città, ma che avesse uno stile che si sapesse distinguere. Ecco il risultato!
  • Fuoriserie
    21 Luglio 2017
    Finora non aveva mai messo mano su una moto tedesca Heiwa, l'officina custom di Kengo Kimura, che si  trova sull'isola di Honshū, cinque ore di auto a ovest di Tokyo. La sua prima volta è con una R nineT Scrambler e il risultato è davvero entusiasmante
  • Fuoriserie
    13 Luglio 2017
    Bryan Fuller ha messo le mani su una Motus MST-R, vittima di trasportatori piuttosto "frettolosi"... e, con l'aiuto diretto della casa di Birmingham, ha tirato fuori una streetfighter con un alto tasso di cattiveria