NOVITA' MOTOCICLISMO

Le batterie del futuro saranno di “vetro”?

John Goodenough dell’Università del Texas ha sviluppato una nuova tecnologia con elettroliti di vetro che promette ricariche più veloci, accumulo di energia triplicato e migliore funzionamento alle basse temperature. Tra i vantaggi ci sarebbero pure la riduzione del rischio esplosione e costi di produzione inferiori. Ora si attende la produzione di prototipi per la sperimentazione sui veicoli

Le batterie del futuro saranno di “vetro”?
Il sodio al posto del litio
Si chiama John Goodenough, ha 94 anni ed è noto per avere contribuito allo sviluppo delle batterie oggi più diffuse, quelle al litio. Non soddisfatto del successo professionale passato e dei riconoscimenti ricevuti, come il Premio Enrico Fermi o lo Charles Stark Draper Prize, lo studioso di origine tedesca continua a lavorare alla Facoltà d’ingegneria Cockrell di Austin, in Texas, per cercare soluzioni per l’accumulo dell’energia più innovative. Uno sforzo premiato con l’ultima ricerca condotta insieme ai suoi collaboratori dell’Università del Texas che ha portato alla realizzazione di “batterie di vetro” più veloci da ricaricare, più sicure e con maggiore durata. In realtà, di vetro sono solo gli elettroliti che sostituiscono quelli liquidi che generano il rischio esplosioni e difficoltà di accumulo alle temperature estreme, problema risolto con la nuova tecnologia pensata per supportare escursioni comprese tra -20 e +60 gradi centigradi. Secondo quanto comunicato dai relatori della ricerca, l’impiego del vetro consentirebbe di triplicare l’energia immagazzinata rispetto agli attuali modelli al litio e di velocizzare i tempi di ricarica che richiederebbero soltanto pochi minuti. Le batterie allo stato solido di Goodenough, inoltre, potrebbero supportare oltre 1.200 cicli di ricarica, circa il 20% in più delle migliori batterie moderne. Buone prospettive si hanno anche in termini economici. Secondo Maria Helena Braga, ingegnere al vertice del team di Goodenough, l’uso di elettroliti di vetro permette di sostituire il litio con il sodio, elemento largamente disponibile perché estraibile dall’acqua marina a costi molto contenuti. Una soluzione che potrebbe fare scendere i prezzi delle batterie, nonché evitare l’estrazione del litio, costosa e gravosa per l’ambiente. Gli accumulatori di vetro al momento hanno superato le prove in laboratorio, ma per verificarne l’effettiva efficienza i ricercatori stanno stringendo accordi di collaborazione con i produttori di batterie per la realizzazione di prototipi da testare sui veicoli elettrici.
COMMENTI
Ritratto di Alessandro Tomassetti
13 Aprile 2017 ore 14:36
Vista al Motodays e rimasto affascinato. voglio seguire notizie per prove, prestazioni e valore di mercato
NOTIZIE CORRELATE
  • Notizie dalla rete
    06 Settembre 2017
    Il patron del Motomondiale svela in un’intervista qualche dettaglio in più sul futuro Campionato del Mondo con moto elettriche. Sette team satelliti e le migliori quattro della Moto2 si sfideranno durante 12 (al massimo) tappe europee
  • Green Planet
    20 Luglio 2017
    L’approvazione del Cipe sull’accordo tra Stato e Regioni per lo sviluppo dell’infrastruttura di ricarica consente di utilizzare 72 milioni di euro per iniziare a creare la rete di colonnine prevista dal Piano Nazionale. A rendere più capillari le “prese” sono pure il Trentino e la Sardegna con la recente adozione di progetti per promuovere l’uso dei veicoli a batterie
  • Green Planet
    29 Giugno 2017
    È del 96,2% la crescita delle immatricolazioni delle due ruote a batterie nei primi cinque mesi dell’anno, merito soprattutto del debutto a Roma del servizio di scooter sharing di eCooltra che ha acquisito 241 Govecs Go! S1.2 per costituire la flotta. Buoni risultati di vendita sono ottenuti pure dal “cinquantino” Askoll eS1 e dal BMW C Evolution, leader nel segmento dei motocicli