PROVA

Suzuki GSX 1300 R Hayabusa 2008

Per turisti molto veloci
Più potente, ma anche più facile da gestire grazie alle tre mappature disponibili, la seconda serie della Hayabusa si conferma una moto comoda e divertente da guidare. Pesa un po’, ma considerate prestazioni e qualità non costa molto
Prezzo: 
€ 14.850
Cilindrata: 
1.340,0 cm3
Peso: 
251,5 kg
Potenza: 
179,3 CV
Velocità: 
296,1 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    2
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    2
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    3

In pista

La Hayabusa non nasce per la pista: peso e dimensioni la penalizzano. Lenta e poco reattiva nello stretto, poco stabile nelle staccatone, si apprezza solo sui tracciati più veloci dove si dimostra stabile e potentissima ma con un’erogazione progressiva: selezionando la mappatura più adatta alle condizioni dell’asfalto, si può dare gas senza troppa paura. Le sospensioni hanno una taratura standard un po’ morbida per la pista, ma sono regolabili.   



Su strada

La possibilità di scegliere la “cavalleria” a disposizione con le tre mappature è una manna soprattutto su strada: sul bagnato anche la potenza “mostruosa” della Hayabusa diventa gestibile, mentre la mappatura intermedia è ideale per divertirsi nella maggior parte delle situazioni. In marcia la “Suzukona” si rivela ben bilanciata, non un fulmine nel misto ma stabile e ben piantata sul veloce. Modulabile e potente la frenata.



In autostrada

Il terreno ideale per questa granturismo comoda e spaziosa, almeno per il pilota: il passeggero infatti è costretto a stare rannicchiato e senza appigli. Si può viaggiare tranquillamente: la capacità di carico è limitata ma la seduta è comoda, la carena protettiva e il cupolino devia bene l’aria dal busto. Nota positiva per i consumi, almeno ad andature “legali”. Cambio e frizione, morbidi, non stancano.  



In città

Sicuramente è più agile di quel che ci si aspetterebbe, ma nelle manovre da fermo e nel traffico più caotico le dimensioni abbondanti della grossa Suzuki disturbano un po’. L’erogazione vigorosa a tutti i regimi permette di usare poco il cambio (ben rapportato), ma su fondo viscido e pavé si benedice la presenza della mappatura “rain” a potenza limitata. Le sospensioni hanno una taratura intermedia, non troppo rigida, ma buche e pavé si sentono.         

Suzuki GSX 1300 R

  • Prezzo€ 15.700
  • Peso260 Kg
  • Serbatoio21,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza219 cm
COMMENTI
Ritratto di Semirjan
09 Febbraio 2012 ore 15:01
Molto bella, ma preferisco la sua rivale: sto parlando della Kawasaki ZZR 1400 del 2012, o la così nominata ZX14.
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Vespa GTS Super 300 Tech hpe 2019
    La Super Tech è la versione top della nuova gamma GTS con motore 300 hpe. Si collega al cellulare e lo controlla con i comandi al manubrio
  • Zero Motorcycles SR/F
    Ha un motore da 119 CV e una batteria da 14,4 kWh che garantiscono tanto divertimento e una autonomia paragonabile alle moto a benzina. Ciclistica OK ed elettronica raffinata con MSC Bosch di serie. Finiture discrete, prezzo alto ma non troppo
  • BMW Serie F GS F 750 GS 2020
    La “piccola” GS è una poco impegnativa e comoda per l’uso quotidiano. Il motore “spinge il giusto” e su strada è efficace sia quando si passeggia, sia quando si vuole forzare il ritmo. Buona la qualità percepita, ma gli optional “obbligati” fanno lievitare il prezzo