PROVA

Kawasaki Z650 2017

Kawasaki Z 650, facile, agile e divertente
L’erede della ER-6n ha una nuova ciclistica, leggera e ben a punto. Il suo bicilindrico Euro 4 spinge bene a tutti i regimi. Ben rifinita, ha un prezzo interessante 
Prezzo: 
€ 6.790
Peso: 
176,5 kg
Potenza: 
62,1 CV
Velocità: 
182,3 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    5
Kawasaki Z 650, facile, agile e divertente
Pregi: 
L’agilità e la facilità di guida sono le sue doti migliori. Piace anche il motore per l’erogazione “piena” ai medi regimi.
Difetti: 
Il comando del freno posteriore è leggermente lungo da azionare, la posizione del passeggero è scomoda  e il manubrio è stretto.
Una delle moto di maggiore successo di Kawasaki nell’ultimo decennio è stata la ER-6n: dal 2005 in Europa ne sono state vendute oltre 121mila esemplari. Ma gli anni passano anche per le moto “nate bene” e per il 2017 Kawasaki propone l’evoluzione della sua fortunata “media”: la Z 650, una naked con caratteristiche tecniche che la rendono una “prima moto” perfetta (come lo era la ER-6n) per chi comincia, ma allo stesso tempo divertente per i piloti esperti, ben più della precedente.


Il motore rimane lo stesso bicilindrico frontemarcia di 649 cm3 che anche se omologato Euro 4 garantisce la stessa potenza e soprattutto la stessa coppia massima, con vigore maggiore tra 3.000 e 6.000 giri. Migliora anche la frenata: davanti ci sono sempre due dischi da 300 mm con profilo a margherita, ma ora le pinze a doppio pistoncino (con attacco di tipo tradizionale) sono di tipo monoblocco, controllate da un ABS ben tarato che si avvale della compatta centralina Bosch 9M. Migliorata anche l’ergonomia: la sella è a soli 79 cm da terra (un centimetro e mezzo in meno rispetto alla ER-6n) e la zona di raccordo tra sella e serbatoio è più stretta e ben sagomata, per aiutare le gambe a scendere “dritte” e a mettere i piedi a terra con sicurezza. 
PROVE CORRELATE
  • 18 Febbraio 2021
    Elegante e sempre attuale, la classica di Akashi è una moto facile e appagante senza essere impegnativa. La media giapponese si guida con la patente A2, è perfetta in città, ma il motore è sufficientemente corposo per portare a spasso anche un passeggero per qualche gita fuori porta
  • 14 Settembre 2020
    La categoria delle "medie" non fa più tendenza come in passato, ma la moto di Akashi ha più di un buon motivo per andare controcorrente: divertente da guidare, è la compagna perfetta per chi non vuole finire in soggezione con mezzi troppo sportivi
  • 01 Settembre 2020
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va

Kawasaki Z650

  • Prezzo€ 6.790
  • Peso187 Kg
  • Serbatoio15,0 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza206 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Harley-Davidson CVO Road Glide 2021
    Esagerata nelle dimensioni e nello sfoggio di muscoli, questa bicilindrica è nata per macinare chilometri sognando grandi spazi aperti. La dotazione di serie è ricca, la guida più semplice di quello che si può immaginare osservandola da ferma. Cilindrata e prezzo sono quelle di una media...a quattro ruote!
  • KTM 390 Adventure 2021
    La piccola di Mattighofen si guida già a 18 anni e promette tanto divertimento a un prezzo contenuto. La dotazione di serie però è da "maxi" e il motore permette di fare tutto, senza strafare
  • BMW Serie F GS F 850 GS Rallye 2020
    Il GS negli ultimi anni ci ha abituato a cilindrate e prestazioni "maxi", ma anche nella versione 850 la bicilindrica bavarese sa essere una moto completa e anzi, più gestibile. La versione rallye aumenta la voglia di lasciare l'asfalto per l'off road. Il prezzo? Sempre al top della categoria