PROVA

Kawasaki Z1000 2014

Tanta potenza per esperti
Motore esuberante, ciclistica reattiva, freni potenti con ABS e prezzo ok per una delle moto più interessanti del 2014
Prezzo: 
€ 12.290
Peso: 
206,5 kg
Potenza: 
128,9 CV
Velocità: 
237,7 km/h
 
  • Comfort: 
    2
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    2
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Su strada
Bastano pochi metri per prendere confidenza: la posizione di guida raccolta, con il busto leggermente caricato in avanti, è perfetta per sentire tutte le reazioni della ruota anteriore. La maxinaked Kawasaki ai bassi e medi regimi è prontissima, il motore reagisce rabbioso alla minima apertura del gas: l’impressione è di avere tra le mani una tre cilindri, tanto è vigorosa l’erogazione. Nel misto veloce la Z 1000 è  reattiva e svelta nel passare da una curva all’altra, grazie anche alle sospensioni tarate sul rigido. Solo nel misto molto stretto il peso della moto si fa sentire: bisogna  allora adottare una guida “di corpo”. 
In autostrada
Rispetto alle precedenti versioni, la nuova Z 1000 è nettamente superiore per confort e abitabilità. Ma per viaggiare non è il massimo, a causa dell’assetto rigido e soprattutto della totale mancanza di protezione dall’aria: per l’uso autostradale è d’obbligo un cupolino. I consumi sono buoni, si attestano attorno ai 17,5 km/l a velocità “legali” e costanti, ma sfruttare la potenza del motore si paga al distributore. Ineccepibile la stabilità e sempre sicura la frenata, potente ma  modulabile.
In città
Tra le attuali maxinaked, la Z 1000 è quella più comoda nell’utilizzo quotidiano e “cittadino”, grazie all’elasticità e alla prontezza del motore ai bassi e medi regimi, nonché al buon raggio di sterzo. La mancanza delle mappature del motore e del controllo di trazione (ormai disponibili anche su modelli ben più economici della Z 1000) non disturba finché l’asfalto è in perfetto ordine e soprattutto asciutto: motore e ciclistica, ben accordati, riescono a scaricare i CV in maniera sicura e governabile. Sul bagnato invece si rimpiange l’ottimo KTRC della sorella SX, ma almeno si può contare sull’ABS davvero ben tarato.
PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La categoria delle "medie" non fa più tendenza come in passato, ma la moto di Akashi ha più di un buon motivo per andare controcorrente: divertente da guidare, è la compagna perfetta per chi non vuole finire in soggezione con mezzi troppo sportivi
  • 01 Settembre 2020
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • 18 Agosto 2019
    La Ninja per 18enni (e non solo) è ben fatta e controllabile, ma tira fuori le unghie quando c’è da guidare sul serio. Prezzo OK

Kawasaki Z1000

  • Prezzo€ 12.290
  • Peso221 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza205 cm
COMMENTI
Ritratto di capobutozzi
20 Settembre 2015 ore 18:27
Vista al concessionario dal vivo. L arancione non le si addice il suo colore e' il verde acceso come un lucertolone post atomico. Bellissimo il look mi immagino la guida. Certo non e' la moto per un neofita come mea per il prezzo e'. Veramente una grande moto altro che bmw
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • Honda CB 650 R
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti
  • Triumph Speed Twin 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare