PROVA

Honda NM4 Vultus DCT 2014

Honda NM4 Vultus, astronave da passeggio
Sembra uscita da un cartone animato giapponese, in realtà è una insolita custom carenata con meccanica e ciclistica della famiglia NC 750
e il cambio DCT. è comoda e pratica, ma costa molto
Prezzo: 
€ 11.600
Peso: 
239,0 kg
Potenza: 
50,1 CV
Velocità: 
186,8 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    4
su strada
La ciclistica non è certo quella di una naked sportiva, ma la Vultus tra le curve e persino sui tornanti di montagna si rivela maneggevole e divertente. Le sospensioni tarate sul morbido si comportano bene finché non si esagera: la Vultus ama trotterellare, non la guida aggressiva e le staccate al limite dove la forcella va presto “a pacco”. In rettilineo la stabilità è ottima, mentre si soffre un po’ nei passaggi più stretti, per via del passo lungo e della forcella molto più aperta di quella delle altre NC e dell’Integra. Anche le pedane aiutano a stare calmi, perché  toccano l’asfalto molto presto nelle curve. Il propulsore spinge vigoroso ai regimi medio-bassi, ben assecondato dal cambio DCT capace di innesti veloci e morbidissimi in qualsiasi situazione. Davvero eccellenti i consumi su strada aperta: con un po’ di attenzione si possono toccare addirittura i 40 km con un litro. Solo discreto invece l’impianto frenante, potente e modulabile quanto basta, ma un po’ “pigro” e da strizzare per lavorare bene: probabilmente un secondo disco anteriore sarebbe di aiuto, visto il peso.

in autostrada
Sui lunghi rettilinei autostradali la Vultus è nel suo ambiente preferito. La posizione di guida è comoda e rilassata,  ma solo per chi è di statura medio-bassa, perché il manubrio molto vicino al busto disturba i più alti. Poche le vibrazioni dal motore, ottima la stabilità degna di una grande GT. Peccato però che lo scudo anteriore non protegga quanto dovrebbe, come del resto il parabrezza troppo piccolo: per chi volesse viaggiare con la Vultus, meglio montare subito il parabrezza maggiorato (accessorio “ufficiale”, insieme alle le valigie laterali e alle manopole riscaldate). A velocità “legali” il bicilindrico frulla tranquillo, percorrendo mediamente 25 chilometri/litro: anche se il serbatoio è piuttosto piccolo, l’autonomia sfiora così i 270 km, comunque un valore più che accettabile. Da dimenticare invece la sistemazione del passeggero, sacrificato su uno scomodo strapuntino e senza validi appigli: meglio alzarlo (ci vuole un attimo) e usarlo come comodo schienalino per il pilota. 

in città
Le dimensioni non sono proprio compattissime e il passo è lungo, ma la Vultus ha un ottimo raggio di sterzo e una sella rasoterra che consente di controllare la moto senza fatica nelle manovre da fermo. In città poi il cambio DCT si conferma ancora una volta perfetto: basta scegliere una delle modalità automatiche, poi ci si concentra solo sulla guida. Ottime le sospensioni, morbide al punto giusto per assorbire anche il pavé più sconnesso, mentre la ruota anteriore da 18” offre un pizzico di confidenza in più sulle buche profonde e sulle rotaie del tram. Ottima la taratura dell’ABS di serie, evita di correre rischi nelle frenate improvvise in mezzo al traffico sul bagnato. Gli unici problemi in città possono venire dalle “orecchie” che contengono gli specchietti e sono esattamente all’altezza di quelli delle auto: nei passaggi stretti il rischio di toccarli è forte. 
PROVE CORRELATE

Honda NM4 Vultus

  • Prezzo€ 11.600
  • Peso245 Kg
  • Serbatoio11,6 l
  • Altezza sella65 cm
  • Lunghezza238 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Moto Morini Milano 2020
    La naked di Moto Morini è ben fatta, piacevole da usare tra le curve e in città. Buone le prestazioni, efficace la frenata
  • Ducati XDiavel S 2016
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota