PROVA

Harley-Davidson Touring Road Glide Special 2015

H-D Road Glide Special, l'altra faccia della gran turismo
Si guida come una custom, è comoda come una limousine e spinge ai bassi  come un trattore. Freni potenti, finiture curate, peso e prezzo elevati 
Prezzo: 
€ 26.700
Peso: 
374,0 kg
Potenza: 
77,5 CV
Velocità: 
191,2 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    4
  • Sospensioni: 
    4
Su strada
Come tutte le attuali H-D Touring (le cosiddette “Rushmore”, rinnovate a fondo lo scorso anno), anche la Road Glide Special monta sospensioni con una taratura azzeccata un po’ per tutto, compresi i percorsi con tante curve. Certo, è un “peso massimo”, ma appena in marcia la Road Glide sfodera una maneggevolezza inaspettata, persino nelle curve strette, e una ottima precisione nei tratti “guidati”. Rispetto alle altre Touring si fatica di più nei tornanti per colpa del manubrio ampio e spiovente, difficile da raggiungere a fine corsa per i piloti di taglia minuta, ma pronto a disturbare le ginocchia degli spilungoni. Occhio anche alle pedane, basse ed avanzate: sono comode, ma strisciano a terra fin troppo presto nelle pieghe. Ottimo invece il motore, sempre pronto all’apertura del gas anche ai regimi più bassi, ma capace di divertire anche ai medi e agli alti con la sua coppia abbondante e la sonorità di scarico cupa e piacevole. Si sente però la mancanza di un qualsiasi controllo di trazione: sul bagnato e in generale sui fondi con scarsa aderenza, la coppia vigorosa del bicilindrico americano può mettere in crisi la stabilità e visto il peso... meglio non pensare a come finirebbe (e quanto costerebbe) una scivolata! Il cambio è abbastanza preciso, ma lento e piuttosto rumoroso e a freddo ha qualche difficoltà ad inserire la folle. Ottime invece la frizione morbida che non stanca la mano e soprattutto la frenata combinata elettronica con ABS, potente ma modulabile : bisogna solo imparare a dosare lo sforzo sul pedale, alto e lontano dalla pedana. 

In autostrada
Viaggiare in autostrada e in generale sul dritto la Road Glide Special è una goduria. Le feritoie nella carena sono ben progettate e lasciano passare un continuo e piacevole flusso d’aria senza rumorosità moleste che impediscono di godersi la musica prodotta dall’impianto di “infotainment” di serie. Chi supera il metro e 70 si trova però con il casco esposto all’aria: per viaggiare è d’obbligo un parabrezza più alto (ce ne sono parecchi nel catalogo accessori H-D). La carena vicina al busto permette anche di vedere (e toccare) il touchscreen nel cruscotto. Il manubrio largo in autostrada non disturba, anzi offre una posizione di guida rilassata e adatta alle lunghe percorrenze. Del resto questa è una moto nata per viaggiare: la sella è ampia e ben sagomata, le valigie integrate sono comode da usare e a tenuta stagna, l’autonomia supera i 350 km con un pieno grazie ai consumi non esagerati e al serbatoio capiente. Se volete però viaggiare in coppia, dovete mettere mano al portafoglio e comprare una sella più imbottita e uno schienalino (nei cataloghi H-D c’è un’ampia scelta...): lo strapuntino di serie è piccolo e scomodo.  

In città
Grande e grossa com’è, la Road Glide non sembrerebbe la moto ideale per il commuting urbano. Eppure, dimensioni a parte, nel traffico se la cava benissimo: l’ottima distribuzione dei pesi e il raggio di sterzo elevato permettono di fare cose quasi incredibili. Rimane il problema del peso: tre quintali e mezzo nelle manovre possono mettere alla prova anche i biker più prestanti (non a caso sul mercato esistono appositi “kit retromarcia”). Ma il vero problema della Road Glide Special in città è il calore sprigionato dal bicilindrico: qualche decina di minuti in coda nel traffico può diventare un’autentica tortura nelle giornate più calde. D’inverno invece (o comunque con la pioggia) bisogna dosare bene il gas: la coppia vigorosa del motore può mettere in crisi l’aderenza. Il problema non si pone invece frenando, grazie all’ABS di serie
PROVE CORRELATE
  • 17 Agosto 2018
    La più sportiva delle H-D è anche la più abbordabile. Facile e divertente da guidare, ha buoni freni ma le finiture sono solo discrete e il passeggero è scomodo
  • 19 Maggio 2015
    Bassa, lunga e pesante, la Low Rider su strada si rivela facile da guidare. Ok posizione di guida, motore e freni, ma il comfort è migliorabile. Prezzo un po’ alto
  • 12 Luglio 2014
    Il nuovo motore raffreddato a liquido è molto  vigoroso, non “cuoce” il pilota e beve meno. Dotazione completa, qualità e prezzo elevati

Harley-Davidson Touring

  • Prezzo€ 26.600
  • Peso369 Kg
  • Serbatoio22,7 l
  • Altezza sella70 cm
  • Lunghezza243 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Moto Morini Milano 2020
    La naked di Moto Morini è ben fatta, piacevole da usare tra le curve e in città. Buone le prestazioni, efficace la frenata
  • Ducati XDiavel S 2016
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota