PROVA

Ducati Panigale 899 2015

Mica tanto “Panigalina”
Meno impegnativa della 1199, soprattutto su strada, la 899 Panigale è altrettanto efficace e più divertente anche in pista. Dotazione di serie e prestazioni di alto livello, come il prezzo
Prezzo: 
€ 15.990
Peso: 
191,0 kg
Potenza: 
134,8 CV
Velocità: 
242,5 km/h
 
  • Comfort: 
    2
  • Posizione di guida: 
    2
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Mica tanto “Panigalina”
Pregi: 
Guida
Meno impegnativa, ma divertente quanto la 1199
Elettronica
Perfettamente a punto, completa e di serie
Estetica
Bellissima, anche con il forcellone “bibraccio”
Difetti: 
Prezzo
In parte giustificato dalla ricca dotazione tecnica, ma comunque elevato
Erogazione
Il motore “superquadro” è potentissimo agli alti regimi, meno ai medi
Come avviene sempre per le Superbike di Borgo Panigale, la 1199 Panigale è stata affiancata nei listini da una sorellina minore. La novità è che stavolta non è poi così”minore” sia nel carattere sia nelle prestazioni (e anche nel prezzo, purtroppo). La somiglianza con la 1199 è innegabile, ma estetica a parte la 899 è un’altra moto: persino il telaio ha quote ciclistiche diverse, pur mantenendo lo schema della 1199. La carenatura non cambia ma il serbatoio qui è in acciaio, così come il telaietto reggisella a traliccio infulcrato nella testa del cilindro posteriore. Il forcellone invece è in alluminio, ma di tipo bibraccio. Nel reparto sospensioni troviamo (per la prima volta su una Ducati) una forcella Showa “Big Piston” completamente regolabile, come il mono Sachs. Diverso anche il cruscotto che abbandona il display TFT per un più classico (ed economico) LCD. Niente risparmi invece nella dotazione elettronica: la 899 di serie monta ABS, tre riding mode (Race, Sport e Wet), DTC (controllo di trazione) su 8 livelli, EBC (Engine Brake Control) e Quick Shift, il cambio elettronico. La ricca dote e la qualità elevata aiutano a digerire il prezzo salato.
PROVE CORRELATE
  • 27 Dicembre 2020
    La crossover di Borgo Panigale è il riferimento della categoria, come tecnologia e come prezzo: il bicilindrico da 158 cavalli permette di togliersi ogni tipo di soddisfazione, ben assistito da sospensioni Ohlins e da un'elettronica raffinata. La cifra da spendere per mettersi nel box il gioiello di Ducati è superiore ai 25mila euro
  • 17 Dicembre 2020
    La moto di Borgo Panigale è nata per rompere gli schemi: linee muscolose, gomme ultralarghe, indole sportiva. A metà tra un dragster e una cruiser, impressiona per la dotazione tecnica e il prezzo, non alla portata di tutte le tasche
  • 20 Agosto 2020
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota

Ducati Panigale

  • Prezzo€ 15.990
  • Peso169 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella83 cm
  • Lunghezza205 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • KTM 390 Adventure 2021
    La piccola di Mattighofen si guida già a 18 anni e promette tanto divertimento a un prezzo contenuto. La dotazione di serie però è da "maxi" e il motore permette di fare tutto, senza strafare
  • BMW Serie F GS F 850 GS Rallye 2020
    Il GS negli ultimi anni ci ha abituato a cilindrate e prestazioni "maxi", ma anche nella versione 850 la bicilindrica bavarese sa essere una moto completa e anzi, più gestibile. La versione rallye aumenta la voglia di lasciare l'asfalto per l'off road. Il prezzo? Sempre al top della categoria
  • Indian Challenger Limited 2021
    La rivale per eccellenza dell'Harley-Davidson propone la "sportiva" di casa in versione top di gamma. I cavalli non mancano, la cilindrata è "esagerata", il comfort elevato e la ricca dotazione di serie invitano a viaggiare. Per averla bisogna staccare un assegno importante, ma si acquista una moto che non passa certo inosservata