PROVA

BMW Serie R

La tedesca "fuoriserie"
La bella R nine T ha poco in comune con tutte le altre BMW, a parte la qualità elevata. Reattiva e “sincera”, è divertente da guidare in ogni situazione. Se solo costasse un po’ meno...
Prezzo: 
€ 15.530
Peso: 
212,5 kg
Potenza: 
104,3 CV
Velocità: 
217,6 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    2
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Su strada
La posizione in sella è comoda, poco caricata sui polsi anche se le dimensioni generose del serbatoio (che in realtà contiene 18 litri) costringono il pilota a stare piuttosto allungato in avanti. Il motore ha un’erogazione lineare, nel senso che spinge forte a tutti i regimi. Maneggevole e rapida a scendere in piega, la R nine T è perfetta nel misto, limitata solo dalle pedane che toccano un po’ presto. Richiede però una guida rotonda e fluida, perché le sospensioni hanno una taratura intermedia che va bene su tutti i tipi di percorso, ma non digerisce le manovre brusche e le staccate al limite.

In autostrada
La R nine T è una naked e come tale non è nata per affrontare lunghe trasferte autostradali, nonostante la sella comoda e l’azzeccata posizione di guida. In realtà l’unico vero limite per l’utilizzo in viaggio è la scarsa protezione dall’aria. Basta montare un cupolino per risolvere il problema: se BMW non lo prevede, ci sono gli specialisti dell’aftermarket come Wunderlich che ne propone uno “old style” (450 euro). Apprezzabile invece la quasi totale mancanza di vibrazioni, anche alle alte velocità si sentono davvero poco. 

In città
La sella bassa e la distribuzione dei pesi pressoché perfetta rendono la R nine T una moto ideale per la città. Leggera e agile, non teme gli spazi stretti e si muove agilmente anche tra le auto in coda. Il motore elastico e trattabile ai bassi regimi permette di “trotterellare” in totale relax anche a basse andature. Ottime le sospensioni, morbide il giusto, mentre la frenata è potente ma poco modulabile, però assistita da un ABS davvero a punto. Una nota di merito va al sound cupo del doppio terminale: è molto suggestivo e quando si parte al semaforo... si fa notare. 
PROVE CORRELATE
  • 26 Marzo 2020
    La “piccola” GS è una poco impegnativa e comoda per l’uso quotidiano. Il motore “spinge il giusto” e su strada è efficace sia quando si passeggia, sia quando si vuole forzare il ritmo. Buona la qualità percepita, ma gli optional “obbligati” fanno lievitare il prezzo
  • 17 Maggio 2019
    La R 1250 GS ha una spinta ai bassi impressionante e un allungo da sportiva. La ciclistica è all’altezza delle prestazioni, la dotazione di serie è buona. Il prezzo è alto e sale ancora con gli  optional “obbligati “
  • 27 Aprile 2018
    Sembra nata per le avventure, in realtà è una gran bella stradale, divertente come tutte le R nine T, con cui fare un po’ di sterrato. Ha buone prestazioni, dotazione essenziale, prezzo un po’ alto

BMW Serie R

  • Prezzoda € 12.910
  • Peso0 Kg
  • Serbatoio0,0 l
  • Altezza sella0 cm
  • Lunghezza0 cm
COMMENTI
Ritratto di Skleros
24 Settembre 2014 ore 15:45
È una scopiazzatura della bellissima Guzzi Griso uscita 10 anni prima di questa misera copia solo che, dato che ha l'elica sul serbatoio e non l'aquila, tutti gli italioti sbavano e spendono 15.000€ per la copia di una bellissima moto ITALIANA che costa almeno 3.000€ in meno!
Ritratto di Flavio66
Flavio66 Kawasaki GTR 1400 2013
25 Settembre 2014 ore 19:43
Sono d'accordo con Skleros a proposito del paragone con la Griso. Non sono d'accordo quando se la prende con le rispettabilissime persone che comprano BMW! In realtà oggi Guzzi potrebbe essere a raccogliere ottimi risultati come i tedeschi. Non ci arriva per il semplice motivo che la sua dirigenza, dagli anni 70 ad oggi, si è dimostrata incapace per non dire peggio! Speriamo piuttosto che si cominci ora a far sul serio visti i buoni risultati con la California! Sono sicuro che gli italiani saranno i primi a comprare Moto Guzzi! ...le compravano anche quando erano davvero scarse!
Ritratto di capobutozzi
13 Settembre 2015 ore 17:24
Premesso che questa e' una bella moto non capisco pero quelli che la comprano. A differenza delle auto italiane le moto italiane sono bellissime allora perché comprare tedesco? Solo per moda a mio parere
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Moto Morini Milano 2020
    La naked di Moto Morini è ben fatta, piacevole da usare tra le curve e in città. Buone le prestazioni, efficace la frenata
  • Ducati XDiavel S 2016
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota